giovedì 30 giugno 2011

Tutti in carrozza!

Oggi Asia ha invitato una sua compagna di scuola per un bagno in piscina ed ha poi insistito con la mamma per farla rimanere anche a cena. Io sono felice quando ho gente per casa, quindi le ho dato man forte davvero volentieri. Avevo preparato un tortino di patate e fagiolini ma a questa bimba non piace la verdura... Aaaaaaaaaaaaaaaaa
Sono davvero fortunata ad avere i miei piccoli mostri che mangerebbero verdura anche a colazione (a dire il vero Asia d'estate fa colazione con finocchi e cetrioli.... ma come si fa!??!!?)
Ma torniamo alla nostra cena.
Non avevo proprio idea di cosa preparare, anche perchè ormai erano le 19.00 e Mattia (povero cucciolo affamato) reclamava cibo!
Ho aperto il frigo e la prima cosa che ho visto sono state 4 fette di pane bianco da tramezzini e la mozzarella. In un attimo mi è venuta l'idea giusta: faccio le mozzarelle in carrozza!
Ad Asia però la mozzarella non piace, quindi l'alternativa per lei sono stati i morbidissimi formaggini In.al.pi.
Ho tagliato il pane prima a metà creando due quadrati e da ognuno ho ricavato due rettangolini (i primi due sono stati triangoli ma non mi piacevano!... anche l'occhio vuole la sua parte, no?!).
Ho farcito i due triangoli ed i sei rettangoli con una fettina di prosciutto cotto e poi quattro con un pò di mozzarella già tagliata a striscioline (quella che normalmente uso per farcire la pizza) e gli altri quattro con un formaggino ciascuno. Ho pressato bene i bordi per sigillare, una passatina veloce nell'uovo sbattuto con poco latte e poi di corsa nel pane grattugiato.
Nel frattempo ho messo a scaldare l'olio ed ho poi fritto il pane... Devo dire che con i formaggini sono anche meglio: decisamente più sfiziosi! Peccato che erano pochi e sono finiti subito...

mercoledì 29 giugno 2011

29 giugno... sempre una giornata impegnativa!

Tutto è iniziato il 19 febbraio 2002, quando l'ho visto per la prima volta e subito sono rimasta folgorata. Dopo 5 giorni l'ho presentato alla mia famiglia e dopo soli 4 mesi, con la disapprovazione dei più, avevo già organizzato tutto per il nostro matrimonio, dal rinfresco in casa alle bomboniere!
La giornata, nonostante qualche piccolo inconveniente, è stata decisamente all'insegna dell'allegria, tra risate, scherzi e... alcool. I festeggiamenti sono durati a lungo: per mesi ho avuto in casa, ogni giorno, i miei compari e mio cognato con i suoi amici... 
Oggi invece, a 9 anni di distanza, abbiamo potuto festeggiare questa giornata in famiglia, solo noi quattro.
Per l'occasione non potevo non preparare un dolcetto... peccato che capitino gli imprevisti proprio quando ti organizzi per fare qualcosa! Siccome oggi è anche il compleanno di mio marito, avevo deciso con Asia di fare una torta solo per lui, ma i tempi decisamente ristretti, visti gli impegni degli ultimi giorni, mi hanno costretta ad abbandonare l'idea. :-(
Ecco quindi che ieri notte, dopo aver messo a nanna le iene, ho preparato il pan di spagna, modificando un pò la mia consueta ricetta. Stamattina alle 5.30 (ma che ci facevo già sveglia a quell'ora!?!?!?) l'ho tagliato, bagnato e guarnito con crema al cappuccino (grazie Deby!) e l'ho lasciato in frigorifero fino ad oggi pomeriggio, quando sono rientrata dall'ufficio. Appena mio marito se n'è andato mi sono messa all'opera... 
Ho preparato la ganache al cioccolato ed ho iniziato a stendere la pdz! Ma secondo voi poteva andare tutto liscio come l'olio!?!?! Certo che no!
L'ho presa dalla dispensa ed era un pò dura, l'ho messa qualche secondo nel microonde ed ho iniziato a stenderla... non vi dico quante volte mi si è rotta ed ho dovuto reimpastarla! Comunque alla fine ci sono riuscita... 
Poi sono dovuta correre al nido a prendere Mattia e sapete anche voi cosa vuol dire stare in cucina tra zucchero a velo, coloranti, stampini e... bambini, soprattutto quando fa caldo e scappano perchè vogliono entrare in piscina!!! Non ricordo neanche più quante volte ho dovuto fare le scale per andarlo a riprendere!
Non sono soddisfatta del risultato, anzi... Il fatto è che non sono normale: non devo studiare prima quello che voglio fare, perchè poi rimango delusa! Ad ogni modo, questo è quello che sono riuscita a fare.


Eccovi l'interno...


Ed ora gli ingredienti

Per il pds:
6 uova intere
7 cucchiai di zucchero (circa 180 gr)
i semi di 1/2 bacca di vaniglia
90 gr di fecola
90 gr di farina di riso

Per la crema al cappuccino:
250 gr di panna
4 cucchiaini di zucchero
qualche goccia di caffè

Per la ganache al cioccolato:
200 gr di cioccolato fondente
250 gr di panna
1 noce di burro


martedì 28 giugno 2011

Stelle di frittata o frittata di stelle?

Ma quanto caldo sta facendo... Già non ne posso più! Tanto amo l'estate, quanto odio l'afa... e qui da noi ce n'è davvero tanta. A questo punto, cosa c'è di meglio di un bel tuffo in piscina per rinfrescarsi!?
Ma con questo caldo anche la voglia di mangiare passa, allora si da il via ai piatti freddi, veloci ma allo stesso tempo gustosi. 
Questa sera ho preparato ai miei campioni questo simpatico e colorato piattino


Ho sbattuto in una ciotola 4 uova con un pizzico di sale, mezzo bicchiere di latte e vi ho tuffato dentro del prosciutto cotto e la morbidissima caciotta Kremina di In.al.pi tagliati a dadini.
Ho sciolto una noce di burro in una padella antiaderente, ho versato il composto di uova e l'ho lasciato cucinare a fuoco basso prima muovendo la padella perchè gli ingredienti non si ammassassero tutti al centro, e poi coprendo con il coperchio. Dopo un paio di minuti ho rigirato la frittata (non è una bella cosa da dire e tanto meno da fare, ma a volte si DEVE!.... ;-P) ed ho terminato di cuocerla.
Alla fine mi è bastato tagliarla con delle formine per biscotti ed adagiare le mie stelline su un letto di insalata brasiliana con qualche fettina di pomodoro ciliegina.

domenica 26 giugno 2011

Zoo Safari

Siete mai state allo Zoo Safari di Verona? Beh, se non l'avete ancora fatto, vi consiglio vivamente di portarci anche i vostri bimbi, si divertiranno da matti... e voi con loro! 
C'eravamo già stati in auto, ma ieri siamo andati in pullman ed è stata tutta un'altra cosa: dall'alto si vede anche meglio! Il giro è più corto ma hanno ingrandito il parco faunistico, spettacolarmente pulito ed ordinato (persino i bagni... incredibile con tutte quelle persone!), con aree gioco, aree pic-nic, e passaggi pedonali vicino agli animali. Se hai fortuna, gli animali si avvicinano ai vetri di protezione e li vedi veramente da vicino. Un'esperienza davvero indimenticabile!



Poi per i bambini amanti dei dinosauri c'è un'area a loro dedicata, con riproduzioni a grandezza naturale di tutti i dinosauri conosciuti!


Tanti degli animali erano stanchi e facevano la nanna... tranquilli!

Alla fine è quello che abbiamo fatto tutti quando siamo risaliti in pullman per tornare a casa...
Siamo rientrati verso le 19.00, ma di pronto non avevo nulla... mi ero preoccupata di preparare panini e tramezzini per il pranzo scordandomi del tutto che al rientro avremmo anche dovuto cenare!!!!
Non mi capita spesso di avere il frigo tanto vuoto da creare l'eco... quindi ho aperto il freezer ed ho trovato una scatola di vongole surgelate.
Ho messo a bollire l'acqua. In una padella ho messo a soffriggere in poco olio uno spicchio d'aglio tagliato a metà, ho aggiunto pomodorini ciliegina tagliati a tocchetti e le vongole ancora surgelate, ho abbassato la fiamma ed ho continuato la cottura coprendo la padella.
Mentre la pasta cuoceva ho tolto il coperchio alle vongole e ho lasciato che il liquido in eccesso evaporasse.

giovedì 23 giugno 2011

Merenda veloce

Quando ho conosciuto il blog di Gianni, ovviamente ho passato in rassegna qualche post ed ho trovato la ricetta facile e veloce delle "Nuvole di stelle": ottima idea per una merenda fresca ed adatta a queste calde giornate!
L'occorrente per queste golosità sono pan di stelle e panna da montare. Più semplice di così...
La sua ricetta era leggermente diversa, ma io non avevo abbastanza tempo...
Ho ridotto in farina 6-7 pan di stelle e li ho versati nella panna montata, mescolando delicatamente. Ho preso delle tazze grandi da caffè, ho disposto sul fondo un biscotto con le stelle verso il basso ed altri quattro lungo il bordo con le stelle verso l'esterno, ho riempito a cucchiaiate con la panna montata e sopra un'altro biscotto. Ho fatto riposare in frigo per circa 2 ore e poi ho sformato in un piattino.
Spazzolato in tempo zero!


La foto non rende quanto il gusto! :-(

mercoledì 22 giugno 2011

Antipasto in giardino

Buona sera a tutte/i! Come state oggi? 
Finalmente l'estate è arrivata... per quanto tempo il sole ci grazi non si sa, ma intanto ce lo godiamo tutto.
Stamattina il mio maritino ha raccolto nel nostro orticello quattro giovani zucchine e i loro fiori e mi è subito balenata l'idea delle frittelle. Doveva venirci a trovare un amichetto di Asia e quindi, dolci, per merenda ci sarebbero state proprio bene, ma alla fine non ho fatto in tempo :-(
Poco male! Le ho riservate per uno spuntino pre-cena: ma quanto mi piace stuzzicare qualcosa in giardino mentre mi godo i miei bimbi che giocano!
Le dosi esatte non ve le so dire, perchè sono andata un pò ad occhio.
Prima di tutto ho lavato, asciugato e spuntato le zucchine ed i fiori ed ho messo a scaldare l'olio in una padella. Poi ho tritato finemente le zucchine nel mixer e le ho poi mescolate in una ciotola con i fiori tagliati a listarelle, un pò di sale, del grana grattugiato In.al.pi, latte e farina fino a formare una pastella abbastanza densa ma comunque morbida.
A questo punto ho versato a cucchiaiate il composto nell'olio, friggendo le frittelle fino a doratura...


Accompagnate da una fettina di mortadella e mezzo pomodorino, e presentate nelle ciotoline FingerFood di Atmosfera Italiana... mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

lunedì 20 giugno 2011

Pan per focaccia

Domenica mattina (ovvero ieri) mi sono svegliata con la voglia di farina e lievito... ma in casa non avevo granchè. Quello che non manca mai nella mia dispensa però sono le cipolle, quindi ho pensato di preparare qualcosa che assolutamente piace a tutti e quattro.
Ho fatto lievitare per 3 ore il mio classico impasto per la pizza in una ciotola coperta da una canovaccio umido nel forno solo con la luce accesa (500 gr di farina, 1 bustina di lievito secco, 2 cucchiaini di zucchero, sale, 350 ml di acqua frizzante ghiacciata e un pò d'olio).
Nel frattempo ho affettato 2 grosse cipolle e le ho lasciate macerare con dell'olio, sale e abbondante timo fresco.
Trascorso il tempo di lievitazione ho preso una tortiera, l'ho oliata ed ho allargato con le mani metà dell'impasto, su cui ho pressato con i polpastrelli creando delle piccole infossature. Ho cosparso la superficie con le cipolle ed un'emulsione di acqua ed olio ed ho infornato in forno preriscaldato a 200° per 25 minuti. Circa a metà cottura ho versato dell'altra emulsione per evitare che si seccasse troppo.


Con l'altra metà dell'impasto invece ho fatto, allo stesso modo, quattro focaccine con le olive.


Indovinate perchè ci sono degli spazi vuoti....

Con queste focacce partecipo al contest Una gita senza formaggio di Cristina


domenica 19 giugno 2011

Ribes Cheesecake

Ecco qui il cheesecake con i ribes che ha raccolto Asia appositamente per fare un dolcetto per il suo amico Samuele: gli è piaciuto proprio tanto, ma per fortuna non gli era stato detto prima di assaggiarlo che nella crema c'era il Philadelphia!!!
Il dolce è lo stesso della ricetta che ho postato qualche giorno fa, ma stavolta l'ho fatto come si deve!
Ho usato una tortiera tonda regolabile, ho tracciato il bordo su un foglio di carta forno e l'ho ritagliato. Poi ho creato il fondo di biscotti frollini ridotti in farina e mescolati con burro fuso pressando in modo da compattare bene e ho lasciato riposare in frigo per mezz'oretta.
Intanto ho messo in ammollo in acqua fredda 2 fogli di colla di pesce che ho poi sciolto in un pentolino dove ho scaldato leggermente la panna. In una ciotola ho sbattuto con le fruste elettriche il Philadelphia con lo zucchero a velo e poi a filo ho aggiunto la panna. 
Ho ripreso lo stampo dal frigo ed ho versato il tutto sulla base tuffandoci poi i ribes, che sono entrati nel composto scomparendo magicamente.
Ho messo a rassodare in freezer per meno di 10 minuti e poi ho appoggiato dei rametti di ribes interi in modo che fossero in parte addensati alla torta e... ancora in freezer per tutta la notte.

Stavo quasi per dimenticare... prima di sformarlo, onde evitare crepe antiestetiche, passate un coltello a lama liscia leggermente inumidito tra lo stampo e il dolce!

sabato 18 giugno 2011

Preparazioni al volo

Quando i miei bimbi stanno male ed hanno sonno ma non hanno voglia di dormire, hanno sete ma non hanno voglia di bere, hanno fame ma non hanno voglia di nulla che dovrei fare!? Li assecondo in qualsiasi cosa... Sarà anche sbagliato, ma... è più forte di me.
Altrettanto vero è che quando stanno male il poco tempo che ho normalmente, si riduce notevolmente e quindi scatta il "piano B"...
"Mamma, voglio pizza..."
"Sono le 11.30 come faccio a prepararti la pizza per mezzogiorno? Ora che preparo l'impasto e lo lascio lievitare... Ok te la faccio"
Ormai l'American Bread è diventato uno dei miei migliori alleati in cucina.
Ho preso una pirofila piccolina e ne ho bagnato il fondo con un misto di passata rustica di pomodoro condita con sale olio e origano. Poi ho appoggiato del pane in cassetta schiacciandolo bene e ho distribuito uno strato di pomodoro. Ho sgocciolato dei funghi trifolati in scatola e li ho versati sul pomodoro, ho sparso un abbondante strato di mozzarella ed ho richiuso il tutto con altro pane in cassetta, pressando bene in modo da chiudere le fessure. Ancora un pò di pomodoro e mozzarella.
Ho infornato per 20 minuti a 200° e a mezzogiorno il piatto di Mattia era pronto!


Alla fine la "pizza" non l'ha mangiata, si è preso solo i funghetti, ma... ci ho pensato io!!! ;-P

giovedì 16 giugno 2011

Torta pere e cioccolato

Devo dire la verità: a me le pere proprio non piacciono! Sentire in bocca tutti quei granetti mi da davvero troppo fastidio: quindi questo dolce non fa proprio al caso mio.
Qualche giorno fa, però, un mio collega si è presentato in ufficio da me dicendomi che la moglie adora questa torta, che gliela compra molto spesso e... "ma lei me ne farebbe una? la sa fare!?!?!". Si poteva rispondere di no? ASSOLUTAMENTE NO!!!
Eccomi quindi alle prese con pere e cioccolato...
Ho girovagato su internet alla ricerca di una ricetta che mi ispirasse abbastanza e alla fine mi sono fidata di quella postata su GialloZafferano.
Questi gli ingredienti:

200 gr di cioccolato fondente
170 gr di burro
200 gr di farina
100 gr di zucchero
100 gr di amaretti
4 uova
5 pere mature ma sode
350 ml di vino moscato (per me rhum)
1 bustina di lievito

Per prima cosa ho sbucciato le pere, le ho tagliate in quarti, ho tolto il torsolo e le ho disposte in una padella senza sovrapporle, facendole cuocere fino alla totale evaporazione del rhum.
Ho messo a sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente con 100 gr di burro. Nel frattempo ho lavorato in una ciotola gli altri 70 gr di burro, lo zucchero e i 4 tuorli con lo sbattitore elettrico fino a farli diventare una crema. Una volta raffreddato il cioccolato, l'ho versato a filo nella crema di burro ed ho poi incorporato la farina ed il lievito setacciati e gli amaretti tritati finemente. Poi ho aggiunto gli albumi montati a neve cercando di non smontarli troppo.
Ho rivestito una tortiera a cerchio apribile con carta forno bagnata e ben strizzata e ho versato sul fondo metà dell'impasto, ho disposto le pere e ho ricoperto con il composto rimanente.
Ho infornato per circa 20 minuti in forno preriscaldato a 200°, ho poi abbassato la temperatura a 180° ed ho continuato la cottura per circa 30 minuti.


Dopo l'approvazione della moglie del mio collega, ecco che ho deciso di partecipare al contest di Vaniglia e Cannella "J'adore le chocolat"


martedì 14 giugno 2011

Polpette... di pane

Ogni sera il dilemma di mio marito: "e di contorno che c'è?".
Stasera in 10 minuti ho preparato delle sfiziose polpettine.


Per prepararle ho sbriciolato, sfregandole tra le mani, 6 fette di pane in cassetta e le ho bagnate con un goccio di latte per ammorbidirle. Nel mixer ho tritato 3 fette spesse di mortadella con lo speck e mezza zucchina che ho poi versato nella ciotola con il pane, ho aggiustato di sale e pepe ed ho amalgamato con un uovo piccolo. Ho formato delle palline della grandezza di una noce, le ho passate nel pangrattato e le ho fritte in abbondante olio caldo.
Erano davvero buone, ma se ci avessi messo dentro un pezzetto di formaggio filante sarebbero state anche meglio... beh, la prossima volta!
Direi che sono anche un'ottima idea per far mangiare la verdura a quei bambini che proprio non ne vogliono sapere: ecco quindi che con queste polpettine partecipo al contest di Gianni, per la sezione "Preparate per loro"


lunedì 13 giugno 2011

Banana Bread

Vi è mai successo di entrare al supermercato con i vostri bimbi e sentirli dire ogni 5 secondi "voglio questo, voglio questo"? E poi succede che compro qualcosa che puntualmente mi dimentico nel frigo! (Vi premetto che in casa io ho due frigoriferi)
Un paio di settimane fa, sotto espressa richiesta, ho comprato delle banane. Ovviamente le avevo messe nel frigorifero in lavanderia, quindi hanno avuto tutto il tempo per maturare per benino... Figurarsi se si possono mangiare così nere... A dire la verità solo la buccia era di quel colore marrone intenso da far rabbrividire, ma la polpa era bella soda e compatta, e me ne sono spappolata una di nascosto!!! ;-P
Allora mi è venuto in mente di fare questo dolcetto, che è durato almeno fino alla colazione di Asia di stamattina!
Ho messo nel mixer 2 uova intere e 2 banane tagliate a pezzettoni e ho dato una prima frullata. Poi ho aggiunto 100 gr di burro fuso e 5 cucchiai colmi di zucchero (saranno all'incirca 100 gr) e via con la seconda frullata.
In una ciotola ho versato 200 gr di farina e il lievito e vi ho versato il composto di banane, mescolando in fretta.
Ho versato il tutto in uno stampo da plum cake imburrato e infarinato e cotto in forno preriscaldato a 180° per 40 minuti.


domenica 12 giugno 2011

Torta di riso

Qualche giorno fa Letiziando ha pubblicato sul suo fantastico blog questo dolce a dir poco strepitoso! Non ho potuto che salvare la ricetta e rifarla.

Questi gli ingredienti estremamente semplici che ho usato, con qualche piccola variante sulle dosi:

1 lt di latte intero
la buccia di un limone
150 gr di riso
100  gr di zucchero
3 uova

Ho messo a bollire il latte con la scorza di limone ed il riso, cuocendolo per circa 10 minuti. In casa avevo il parboiled ma vi consiglio di usare, come da ricetta originale, un riso per minestre.
Ho lasciato raffreddare un pò e poi ho incorporato con le fruste 3 uova intere e ho versato il composto (che risulterà abbastanza liquido) in una teglia rivestita di carta forno.
La ricetta prevede di lasciarlo riposare per un paio d'ore prima di infornarlo a 170-180° per un'oretta, per permettere al riso di adagiarsi bene sul fondo, ma la mia voglia di assaggiarlo me lo ha fatto infornare a 170° per 45 minuti!

Appena sfornato l'ho tagliato a quadrotti e l'ho spolverato con abbondante zucchero a velo!


Delizioso, cremoso e leggero.

sabato 11 giugno 2011

I primi frutti del mio orto

Beh che dire... ieri pomeriggio il tempo ci ha concesso una piccola tregua, e finalmente abbiamo potuto uscire in giardino e controllare i nostri animaletti e il nostro orticello.
Tutta la pioggia di questi giorni ha fatto lievitare le piantine del mio orto (e pure tante erbacce!!!), ma qualcosa iniziava a marcire, a partire dai miei amati fiori di zucchina. :-( 
Ho sentito una vocina da lontano che mi chiamava... erano proprio loro, volevano essere raccolti e portati in tavola, ma erano così pochi... allora ho pensato che forse un paio di piccole zucchine potevano far loro compagnia!
Ho lavato i fiori, li ho puliti e li ho messi ad asciugare su carta assorbente. Ho lavato anche quelle due povere zucchine e le ho tagliate a pezzettini. Ho messo a soffriggere in poco olio un trito di aglio e cipolla, ho sfumato con del vino bianco e poi ho versato 6 pugni di riso e l'ho fatto tostare leggermente. Ho poi continuato la cottura aggiungendo poco per volta del brodo vegetale caldo.
A cottura quasi ultimata ho aggiunto le zucchine, i fiori tagliati a listarelle e circa 100 gr di gamberetti (ho usato quelli precotti surgelati) e fuori dal fuoco ho mantecato con 2 sottilette light In.al.pi. e una manciata di prezzemolo.


Che soddisfazione... ad un piatto così i miei scuccioli non hanno proprio saputo dire di no!

venerdì 10 giugno 2011

Albumi a volontà!

Con tutte le crostate che ho sfornato in questi giorni mi sono avanzati tanti di quegli albumi da far paura! Che farne!?
Con 480 gr ho preparato una morbida Angel Cake... che provvederò a postarvi non appena avrò l'occasione di rifarla! Ebbene si... anche questa volta, prima della macchina fotografica, è arrivato il distruttore Mattia!

Pertanto: niente foto, niente ricetta. ;-P

Ma non poteva finire così... 
Ecco allora che con gli ultimi 80 gr di albumi, 160 gr di zucchero a velo e qualche goccia di limone, ho preparato delle croccanti e golose meringhe.


D'estate, quando ero piccola e andavo a casa della nonna in montagna, ne mangiavo in quantità industriale... Non mi riescono ancora come quelle, ma come al solito mi sto impegnando!

mercoledì 8 giugno 2011

Muffin al caffè


Poteva una "caffettomane" come me, in una giornata così autunnale più che primaverile, non concedersi una buona e calda tazza di caffè con la panna, accompagnata da un morbidissimo muffin al... caffè!?!?
Oggi al rientro dal lavoro mi è venuta l'ispirazione e mi sono messa all'opera.

Ho preriscaldato il forno a 180°.

Ho poi preparato in una ciotola:
250 gr di farina setacciata
150 gr di zucchero
2 cucchiaini di lievito
1 bustina di vanillina
un pizzico di sale

In un'altra ciotola ho mischiato:
100 gr di burro fuso raffreddato
3 uova (ne bastano 2 di normali, io ho sempre il problema delle galline piccole che fanno uova... piccole)
150 ml di latte
100 ml di caffè

Poi ho versato poco alla volta il liquido nel mix di farina e ho versato il composto ottenuto nei pirottini di carta.
Infornato per circa 40 minuti e... il profumo del caffè si è sparso per tutta casa. 

Che meraviglia! Buonissimo ancora caldo...

Per chi gradisse assaggiarli... ne sono rimasti ancora un paio!

Anche con questa ricetta partecipo al contest di Elisa, ormai non mi sopporterà più!!!! ;-P

lunedì 6 giugno 2011

Cheese cake senza cottura

Come promesso ecco una splendida ricettina per un cheese cake davvero speciale. Il merito più grande va senza dubbio alla fantastica marmellata di RIBES ROSSO della Rigoni di Asiago, con il suo gusto leggermente acidulo ma dolce! Davvero ottima.
Questo è stato un altro dei miei esperimenti, ho voluto provare a fare un cheese cake al rovescio!
Ho messo in ammollo in poca acqua fredda due fogli di colla di pesce che ho poi scaldato e fatto sciogliere completamente aggiungendo circa 200 gr di marmellata. Ho aspettato che si raffreddasse un pò e nel frattempo ho bagnato e strizzato della carta forno con cui ho rivestito quattro coppette. Ho quindi versato il composto di marmellata sul fondo.
Poi ho semimontato 250 gr di panna e li ho amalgamati a 200 gr di formaggio cremoso e un cucchiaio di zucchero a velo ed ho diviso anche questo composto nelle quattro coppette che ho poi riposto in freezer a rassodare. Intanto ho frullato 300 gr di frollini, ho sciolto 120 gr di burro e li ho amalgamati per creare quella che poi sarebbe diventata la base!

Una merenda davvero fresca e gustosa!

Le porzioni che ho fatto non sono proprio mignon, anzi! Diciamo che potrebbero essere una buona idea da dividere con la propria... dolce metà! ;-)

domenica 5 giugno 2011

Rigoni di Asiago: nuova collaborazione!

Ma avete visto che fantastica fornitura ho ricevuto dalla Rigoni di Asiago!?!?!? Tutta frutta davvero insolita. E poi questo ingegnoso "cucchiaino magico", studiato appositamente per ripulire al meglio i vasetti! Sono marmellate (anche se chiamarle così è davvero minimizzante) nuove e soprattutto dai gusti particolari. Non vedo l'ora di presentarvele ad una ad una con qualche sfiziosa ricettina.

Gnocchi di ricotta

Capita anche a voi, quando siete in ufficio, di scambiarvi le ricette con i vostri colleghi? Beh, a me succede quotidianamente! E allora prendo il classico post-it giallo e annoto gli ingredienti. 
Spulciando nel mio solito quadernetto questa mattina ho trovato, nascosto sotto altri mille, il post-it con gli ingredienti per gli gnocchi di ricotta.
All'appello ha risposto solo Mattia, decisamente entusiasta di impiastricciarsi di farina.


Ho messo in una ciotola 250 gr di ricotta, 65 gr di grana grattugiato In.al.pi, un pizzico di sale, un uovo e 180 gr di farina. Ho impastato tutto insieme finchè il composto non si è amalgamato bene, poi ho tagliato il panetto in pezzi e, finalmente con l'aiuto di Mattia, abbiamo fatto dei rotolini che abbiamo poi tagliato a cubotti... irregolari! (vorrei farvi notare la faccia seria e l'impegno che ci ha messo!!!)


Quando l'acqua ha iniziato a bollire ho tuffato gli gnocchi. Nel frattempo ho messo a sciogliere in una padella del burro insaporito con del profumatissimo timo fresco. Appena gli gnocchi hanno iniziato ad affiorare li ho versati nella padella aspettando che si formasse quella favolosa crosticina dorata, facendoli saltare ogni tanto.


Un primo piatto dal gusto davvero delicato!
Con questa ricetta partecipo al contest di Gianni per la categoria "Preparate con loro".


sabato 4 giugno 2011

"Coppa del nonno"

Dopo una giornata così calda, afosa e soprattutto di duro lavoro, ecco che mi godo un delizioso semifreddo al caffè... in due varianti: nei bicchierini neri guarnito semplicemente con chicchi di caffè, in quelli trasparenti con un secondo strato di mousse al cioccolato fondente.
Sembrava un esperimento mal riuscito, ma in realtà sono andati a ruba! Queste sono le versioni FingerFood con cui partecipo al gioco di Atmosfera Italiana.


Ringrazio GialloZafferano per questa ricetta.

60 ml di caffè liquido
100 gr di mascarpone
350 gr di panna
80 gr di tuorli d'uovo
80 gr di zucchero

Mettete in un pentolino il caffè e lo zucchero, mescolate e portate ad ebollizione. In una ciotola per cuocere a bagnomaria versate le uova e dopo averle rotte con le fruste versate a filo lo sciroppo di caffè e cuocete, senza smettere di sbattere, finchè la crema non si addensa. A questo punto versate la crema in un'altra ciotola e sbattete con le fruste elettriche per farla montare e raffreddare (arriverà il giorno che riuscirò a comprarmi una planetaria!?!?). A parte semi-montate la panna, trattenendone due cucchiai da amalgamare al mascarpone per renderlo cremoso. Versate nella panna la crema di caffè e amalgamate delicatamente con i soliti movimenti dal basso verso l'alto. Quando il composto sarà uniforme, aggiungete la crema di mascarpone allo stesso modo.
Non vi resta che versare nelle coppette e lasciar riposare in freezer per almeno 5 ore.
Estraeteli dal freezer 10 minuti prima di servirli.
Con queste dosi ho preparato 8 dei miei bicchieri, gli stessi che ho usato per la mousse al caffè, i sei bicchierini della foto e quello che è rimasto... beh, potete immaginare dov'è finito!!!


E visto che ci sono partecipo pure al contest di Elisa


venerdì 3 giugno 2011

Crostata di ciliegie

Che bello il rumore dei piatti, delle fruste, delle ciotole... e tutto intorno SILENZIO!
Mattinata spettacolare. Solo io e la mia cucina: che cosa voglio di più dalla vita!?
Dopo un consulto con il mio Angelo Deby di CREARE CON LO ZUCCHERO, mi sono messa all'opera. La settimana prossima, tre compagni di Asia festeggeranno il compleanno, e mi hanno chiesto una crostata. PANICO. Ho sempre avuto qualche difficoltà tecnica con la base: mi si rompeva sempre... e poi sto difetto delle mani sempre bollenti, 365 giorni all'anno!!!
Ho tirato fuori il mio robottino del 1903 ma ancora perfettamente funzionante e ho inserito 200 gr di farina, 80 gr di zucchero a velo, 32 gr di tuorli, i semi di 1/3 di bacca di vaniglia, un pizzichino di sale e la buccia grattugiata di mezzo limone. Dopo pochi secondi ho compattato il panetto, l'ho rivestito di pellicola trasparente e l'ho lasciato riposare in frigo per una mezz'oretta. Intanto ho foderato una tortiera a cerchio apribile con carta forno spennellandola con del burro fuso per farla aderire bene allo stampo e ho denocciolato le ciliegie che mi aveva portato la mia collega qualche giorno fa, le stesse che ho usato per la Natalina (alla fine me ne sono rimasti 400 gr). Ho quindi steso 3/4 della pasta sul fondo e con il quarto avanzato ho creato un rotolino che ho fatto aderire al bordo. Prima di versare le ciliegie ho spolverato il fondo con poco pane grattugiato e ho lasciato cuocere la crostata in forno caldo a 180° per circa 45 minuti.


Si vede tanto la differenza tra le ciliegie della mia collega e le mie!?!?!?

Con questa crostata partecipo al contest di Laura


giovedì 2 giugno 2011

Un condimento veloce

Oggi è stata una giornata all'insegna del relax! Mi ci voleva proprio... Ieri Asia era andata in montagna con la nonna e stamattina Mattia mi ha graziata: abbiamo dormito fino alle 8.20! FANTASTICO... erano anni che non dormivo così di gusto. Quindi mi sono svegliata meglio del solito e con Mattia abbiamo deciso di prendere la macchina e fare una sorpresa ad Asia.
Alle 10 siamo arrivati, abbiamo incontrato Asia lungo la strada con la nonna e tutti insieme siamo stati al parco a giocare. Ormai si era fatto tardi e di pensare al pranzo non ne aveva voglia nessuna delle due, così siamo andate a mangiarci una favolosa pizza in un posto altrettanto favoloso. I bambini se la sono spassata alla grande anche perchè proprio di fianco al nostro tavolo c'era l'area giochi quindi.... una volta tanto ho mangiato pure in santa pace! 
Poi siamo tornati a casa della nonna, Mattia è andato a nanna e io mi sono goduta un'oretta di chiacchiere al sole con una mia cara amica. 
Dopo il sonnellino, potevamo forse non andare a vedere i cavalli, le mucche, le pecore e i daini e non dargli da mangiare!?!?!? Per due amanti degli animali come i miei figli era una cosa decisamente impensabile, quindi il tempo è volato e sono arrivate in fretta le 6! Li ho messi in macchina di corsa e, altrettanto di corsa, siamo tornati a casa.


Alle 7.30 avevamo finito di rifocillare anche i NOSTRI animaletti... per fortuna eravamo tutti e 3 quindi abbiamo fatto presto!
Ma ora il problema cibo si ripresentava: all'unanimità hanno votato per la pasta col tonno. Niente di meglio: SUPERVELOCE. Ma mi faceva un pò di tristezza pensare di vedere una scatoletta di tonno rovesciata sopra la pasta, quindi ho elaborato qualche aggiunta e vi assicuro che oltre ad essere veloce è anche molto buona!
Versate in una ciotola una scatoletta di tonno spezzettandolo bene con il suo olio di conservazione, aggiungete carciofini sottolio tagliati a pezzettini, un bel pò di rosmarino tritato e abbondante grana grattugiato. (Se il condimento è destinato ad adulti amanti del piccante, aggiungete agli ingredienti abbondante olio al peperoncino, come ho fatto io!!!) Mescolate e lasciate insaporire finchè non sarà pronta la pasta. Purtroppo non ho niente da farvi vedere perché sapete le bocche con cui ho a che fare...  Sarà stato il cambiamento d'aria, ma l'hanno letteralmente divorata e direi che è proprio questa la soddisfazione più grande. ;-)
Un baciotto a tutte.

mercoledì 1 giugno 2011

Post vuoto

Oggi non ho fatto proprio niente! Che tristezza non avere una fotina o una ricettucola da postare... ormai ci avevo preso l'abitudine! 
Alzarsi, aprire le finestre e vedere sti nuvoloni grigi carichi di pioggia mi ha messo un pò di depressione... e cominciare la giornata così è proprio controproducente! A quanto pare ne hanno risentito in molti: la mattina quando arrivo al lavoro sono sempre allegra e sorridente, metto il buon umore a tutti (o quasi). C'è anche chi mi detesta per questo, per certe persone è inconcepibile che una persona possa aver voglia di ridere e scherzare la mattina presto, ma forse perchè non sanno che la loro "mattina presto" è per me "mattina inoltrata"!!! La mia sveglia dovrebbe suonare alle 6, ma puntualmente la spengo un bel pò prima... Come invidio quelli che riescono a dormire fino a tardi.
Qualcuna di voi ha una bella ricetta per il sonno!?!?