sabato 24 settembre 2011

Auguri Manu!

Eccomi come anticipato ieri, con l'ultima torta preparata oggi per il compleanno della mia amica Manuela a cui faccio gli auguri anche qui!
I suoi colori preferiti sono il bianco ed il rosa.... ecco allora un bel bouquet di boccioli di rose... rosa!
Una base al cioccolato, farcita con crema al latte e cocco.

Per la torta al cioccolato (base da 24 cm):
200 gr di zucchero
4 cucchiai di cacao amaro
6 uova
120 gr di farina
100 re di cioccolato fondente
1 bustina di lievito
120 gr di burro

Sbattete in una ciotola il burro finché risulterà cremoso, aggiungete poi metà dello zucchero e successivamente un tuorlo alla volta. Nel frattempo sciogliete il cioccolato, lasciatelo leggermente raffreddare e versatelo nel composto di burro e uova sbattendo continuamente. In più riprese aggiungete il cacao, la farina ed il lievito precedentemente setacciati.
In un'altra ciotola montate a neve fermissima gli albumi aggiungendo lo zucchero rimasto quando iniziano a schiumare ed incorporateli delicatamente al composto di cioccolato.
Versate l'impasto nella tortiera imburrata ed infarinata e cuocete nel forno preriscaldato a 170° per 35-40 minuti, a seconda del forno.

Per la crema al latte e cocco (su gentile concessione della ormai conosciuta Deby):
400 ml di latte
4 cucchiai di amido di mais
4 cucchiai di zucchero
400 ml di panna
1 bacca di vaniglia
cocco disidratato

In una ciotola setacciate l'amido, aggiungete lo zucchero e quando il latte, che avrete messo a scaldare con la bacca di vaniglia, sta per raggiungere il bollore toglietelo dal fuoco. Aggiungete un mestolino di latte all'amido e mescolate bene con una frusta a mano per sciogliere tutti gli eventuali grumi. Versate il composto nel latte e rimettete sul fuoco facendo addensare. A questo punto iniziate ad aggiungere il cocco, quantità a piacere e in base alla consistenza che desiderate ottenere.
Fate raffreddare completamente. Montate la panna ed amalgamatela alla crema di latte.
Ma ora un pò di foto...






la torta farcita, a rassodare nel frigo

E come sempre, buon appetito! :-P

venerdì 23 settembre 2011

Red Velvet con ganache al cioccolato bianco


Eccovi la seconda torta preparata per nonno Giuseppe! Una morbidissima Red Velvet farcita con ganache al cioccolato bianco.

Per la Red Velvet (ricetta di Misya alla quale ho apportato qualche lieve modifica)
250 gr di farina
1/2 cucchiaino di sale
1 vasetto di yogurt bianco intero
120 ml di latte
colorante alimentare rosso
110 gr di burro
300 gr di zucchero
aroma vaniglia
2 uova
1 bustina di lievito

Per la ganache al cioccolato bianco:
150 gr di cioccolato bianco
150 gr di panna
una nocciolina di burro

Preparate tre ciotole.
In una setacciate la farina con il sale; nella seconda miscelate lo yogurt, il latte e il colorante rosso (io ho messo un cucchiaino abbondante di colorante in gel). Nella terza lavorate a crema il burro incorporando poi un uovo alla volta e l'aroma di vaniglia. In tre riprese aggiungete, alternando, la farina e lo yogurt. Per ultimo aggiungete il lievito.
Infornate in forno già caldo a 180° per 25 minuti circa (come sempre vale la prova stecchino!)

Mentre la torta cuoce preparate la ganache mettendo a scaldare la panna a fuoco bassissimo. Prima che raggiunga il bollore togliete la pentola dal fuoco, aggiungete il cioccolato a pezzetti e fate sciogliere completamente aiutandovi con una frusta. Versate il tutto in una ciotola, mettetela a bagnomaria in una pentola con acqua e ghiaccio ed iniziate a montare la crema con uno sbattitore elettrico finché si sarà ben rassodata.


Alla prossima torta ;-)

giovedì 22 settembre 2011

Millefoglie


Ecco già svelato l'arcano! Era una buonissima Millefoglie.

Gli ingredienti:
3 dischi di pasta sfoglia
zucchero a velo
crema pasticcera
colla di pesce
panna montata
burro di cacao
biscottini in cialda

Credo siano davvero pochi quelli a cui non piace questo dolce: lo trovo semplice ma di grande effetto. Mi piace la croccantezza della sfoglia abbinata alla morbidezza della crema!

Prima di tutto ho ritagliato 3 dischi di pasta sfoglia della stessa misura e li ho poi bucherellati il più possibile per evitare che si gonfiassero eccessivamente durante la cottura. Li ho messi poi in forno per quasi un'ora a 160°. Li ho fatti raffreddare completamente cospargendoli di zucchero a velo ancora caldi per farli leggermente caramellare.
Per le quantità di crema pasticcera e panna montata sono andata decisamente ad occhio, anche perché, come vi avevo già accennato, per domenica avevo ben tre dolci da preparare ed ho preparato una quantità assurda di crema ed in frigo avevo una gran bella scorta di panna! 
Ho messo in ammollo 5 fogli di colla di pesce per 10 minuti in acqua fredda. 
Nel frattempo ho sbattuto la crema fredda con poca panna per farla tornare cremosa. Ho montato la panna . In mezzo bicchiere di panna fatta scaldare (ma non bollire) ho sciolto la gelatina, l'ho incorporata alla crema ed ho poi aggiunto la panna montata.
Ho versato un cucchiaio di crema sulla base di cartone per "incollare" la pasta ed ho inserito il primo disco di sfoglia nel cerchio regolabile di acciaio. (La sfoglia avrebbe dovuto essere impermeabilizzata con del burro di cacao prima di comporre il dolce, ma purtroppo non l'avevo! Ecco perché infatti l'ho fatto all'ultimo momento, così che non si ammorbidisse troppo!)
Con l'aiuto della sac a poche ho coperto la pasta formando una spirale e via di seguito fino al terzo strato.
Se non fosse stato per Mattia (accidenti a lui che è sempre in mezzo e quando si tratta di dolci è sempre pronto agli attentati!) l'ultimo strato di crema sarebbe stato decisamente più abbondante!
Dopo mezz'oretta, aiutandomi con un coltello a lama liscia leggermente inumidito, ho sformato il dolce e vi ho appoggiato lateralmente tutti i biscottini di cialda che avevo livellato alla stessa altezza mentre rassodava in freezer.
Il nastrino purtroppo non è dei migliori, ma con così poco preavviso non ero del tutto attrezzata. Anche la cialda in zucchero non è un granché ma l'importante è che sia piaciuta al festeggiato.
La soddisfazione più grande comunque è stata quando Lisa mi ha detto che un'amica che NON MANGIA DOLCI, di questa ha fatto il bis!


E... buon appetito ;)

martedì 20 settembre 2011

A voi la scelta...

Oggi niente ricetta, solo due foto, anzi due scorci di foto!
Per nonno Giuseppe ho preparato due torte di compleanno: la prima per festeggiare con gli amici domenica, e la seconda per festeggiare oggi (giorno effettivo del compleanno) con la sua splendida famiglia.



Di quale delle due foto volete prima la ricetta?

lunedì 19 settembre 2011

Tiramisù profitterol

Buon lunedì a tutte, come state oggi? Io sono stanchissima. Ieri avevo fretta di postarvi la torta per il compleanno della mia amica Laura e non vi ho raccontato praticamente niente.
Avevo qualche dolcetto da fare smistato tra i vari giorni, ma tra un'anticipazione e una posticipazione si sono ammassati tutti a domenica.
Come se non avessi niente da fare con una casa a tre piani, due bambini, un cane, tre conigli, un gallo, sette galline.. e un marito!!
Il mio cavallo di battaglia è sempre stato il tiramisù: non che abbia una ricetta strana, ma mi riesce sempre particolarmente bene. Adoro il caffè e la cremosità del mascarpone mi manda letteralmente fuori di testa.
Girovagando sul web mi sono imbattuta, non so come, nella ricetta del tiramisù profitterol del grandissimo Luca Montersino, anche lui amante come me del tiramisù... Ho subito pensato "QUESTA E' MIA!!!"
Prima la foto, così invoglio per benino anche voi!


Ora eccovi il procedimento, un pò lunghino dovendo preparare come prima cosa i bignè
Se volete, potete prepararli con anticipo, metterli in un contenitore ermetico e conservarli nel freezer.
Per questo profitterol, destinato alle simpatiche ragazze del supermercato dove mi rifornisco giornalmente, ho usato 25 bignè.

Per il ripieno dei bignè vi serviranno:
250 gr di crema pasticcera
7 gr di colla di pesce
50 gr di caffè
5 gr di caffè solubile
300 gr di panna
Per prima cosa mettete ad ammollare in acqua fredda la gelatina. Sciogliete nel caffè caldo il caffè solubile (scusate la ripetizione ma...) e poi la colla di pesce. Amalgamate il tutto alla crema pasticcera fredda sbattendo energicamente. A parte montate a neve fermissima la panna ed amalgamatela poco alla volta alla crema aromatizzata al caffè. Mettete a riposare in frigo coperto con della pellicola trasparente.
Dopo mezz'oretta riempire i bignè e metteteli a rassodare in freezer.

Per la glassa al mascarpone:
150 gr di crema pasticcera
80 gr di zucchero a velo
250 gr di mascarpone
250 gr di panna liquida
(Queste sono le dosi consigliate ma io qui ho fatto un pochino ad occhio)
Ammorbidite la crema pasticcera, aggiungete lo zucchero a velo (non necessario visto che me ne sono proprio scordata), il mascarpone e sbattete con le fruste elettriche. Incorporate poi, poco per volta, la panna liquida con una spatola in silicone fino a quando non avrete ottenuto una consistenza cremosa e vellutata, giusta per la glassatura. Non dev'essere troppo liquida ma nemmeno troppo corposa.
Tuffate i bignè nella glassa e con l'aiuto di due forchette ricopriteli completamente e poggiateli nel piatto da portata.
Una spolverata di cacao amaro ed il gioco è fatto!

domenica 18 settembre 2011

Tanti auguri Laura!

Venerdì è stato il compleanno della mia cara amica Laura e un amico in comune mi ha chiesto di prepararle una torta per festeggiare tutti insieme, oggi pomeriggio, il suo compleanno.
Una festa a sorpresa!
Che bello, se la merita proprio.
All'inizio ero un pò perplessa... non sapevo proprio cosa fare ma poi, tutto ad un tratto la mia mente l'ha visualizzata. Come al solito però non sono riuscita a farla come mi ero prefissata: a dire la verità è anche meglio!
Per la base ho usato una simil moretta light (senza uova nè latte) di cui avevo parzialmente trovato la ricetta su cookaround. Ecco le dosi:

130 gr di farina
70 gr di fecola di patate
100 gr di cocco disidratato
25 gr di cacao amaro
20 gr di cacao dolce
80 gr di zucchero
1 bustina di lievito
aroma Oba-Oba Flavourart
250 cl di acqua
(tutto doppio perchè ho voluto una torta abbastanza alta)

Per il ripieno:
crema pasticcera
panna montata

Un dolce semplicissimo, velocissimo e soprattutto squisito. Basta mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola e aggiungere poco alla volta l'acqua fino a raggiungere una consistenza morbida. Infornare per 20 minuti a 160° (vale sempre la prova stecchino).

Bando alle ciance... vi lascio qualche foto







Sono proprio soddisfatta. Voi che ne dite?

venerdì 16 settembre 2011

Focaccia peperoni e cipolla

Torta salata o focaccia? La focaccia mi ispira di più... 
"Lia... torta salata o focaccia?"
"Focaccia...."
"Vada per la focaccia..."

Ieri pomeriggio, dopo pranzo ho preparato l'impasto.

Ecco gli ingredienti:
500 gr di farina (io Milleusi Molini Pivetti)
1 patata lessa 
1 panetto di lievito
250 ml di acqua frizzante
3 cucchiaini abbondanti di sale 
2 cucchiaini rasi di zucchero
olio evo
1 peperone rosso
1 cipolla

Lessate una patata, sbucciatela ancora calda e passatela allo schiacciapatate. Fatela raffreddare.
Nel frattempo sciogliete il lievito in una tazza d'acqua calda, con lo zucchero, per attivarlo.
Versate in una terrina la farina, la patata schiacciata, il sale ed il lievito, mescolando con una forchetta. Aggiungete l'acqua ed iniziate ad impastare aiutandovi con l'olio. Fate lievitare nel forno spento con la luce accesa, coperto con un canovaccio umido.
Con grande stupore, dopo 5 ore l'impasto era triplicato!
In una pentola antiaderente ho abbrustolito un peperone rosso diviso in 6. Ancora caldo l'ho spellato e  tagliato a cubetti. Ho affettato finemente una cipolla ed ho unito il tutto all'impasto versando poi tutto in una tortiera unta leggermente d'olio e rimettendo nel forno spento!
Non potevo credere ai miei occhi quando ho visto, dopo 40 minuti, l'impasto uscire dalla tortiera...
Ho dovuto toglierne un pò e farne dei muffin perchè avevo foccaccia... all over!!!
L'ho cotta nel forno preriscaldato a 180° per una mezz'oretta, dopo averla ben cosparsa di un'emulsione di acqua bollente, olio e sale.


Bella era bella, il profumo era squisito... e il gusto!?!?

Provatela e sappiatemi dire ;)

Con questa ricetta partecipo al fantastico contest di Ale 


domenica 11 settembre 2011

Sbrisolona ripiena

Stamattina sono passata dal blog di Cri e con l'acquolina in bocca sono salita di corsa ad accendere il forno: non ho potuto resistere alla tentazione di fare anch'io questo dolce. 
Lei ha modificato la ricetta a suo piacere, ed io ho fatto altrettanto, più che altro per necessità, vista la mancanza di alcuni ingredienti!

Ingredienti:
300 gr di farina (io Milleusi Molini Pivetti)
100 gr di zucchero di canna
1 bustina di lievito
qualche goccia di aroma alla vaniglia Flavourart
1 pizzico di sale
100 gr di burro
1 uovo
250 gr di ricotta
miele
150 gr di cioccolato fondente

Queste sono le quantità che avrei voluto usare, ma sinceramente non so se alla fine erano esatte, perchè fortuna (che non mi abbandona mai!) ha fatto che mi si scaricassero le batterie della bilancia proprio mentre stavo iniziando a pesare la farina. Probabilmente anche per questo le briciole non erano così grosse come avrebbero dovuto: a volte l'occhio inganna! ;)
Ad ogni modo, per prima cosa fate sciogliere il burro a bagnomaria o nel microonde e lasciatelo raffreddare. Versate in una ciotola la farina, lo zucchero, il lievito, il sale e l'aroma e date una mescolata veloce. Ora aggiungete il burro ormai freddo e quando sarà ben amalgamato aggiungete l'uovo ed impastate con le mani formando un impasto  "sbricioloso".
Preriscaldate il forno a 180°.
In un'altra ciotola setacciate la ricotta, zuccheratela con del miele (io ho usato un semplice millefiori) ed aggiungete infine il cioccolato precedentemente sciolto a bagnomaria.
Se come me avete a disposizione una tortiera in silicone della Happyflex, disponeteci 3/4 dell'impasto ottenuto sul fondo, versateci la ricotta al cioccolato stendendola bene con una spatola e chiudetela con l'impasto rimasto.
Infornate per circa mezz'ora, ma regolatevi in base al vostro forno!


Mi sarebbe piaciuto mostrarvi una fettina servita con una morbida crema pasticcera aromatizzata al limone, ma i miei adorati commensali hanno preferito divorarla subito... ed io li ho decisamente seguiti a ruota!

Non mi resta che dirvi... buon appetito!

mercoledì 7 settembre 2011

Saccottini ai 5 cereali

Ciao ragazzuole belle! In questi giorni mi sto dando agli esperimenti.
Quella che vi propongo oggi è una ricetta dagli ingredienti semplici ma decisamente gustosa. Per preparare tutto c'è voluto un pò di tempo ma poi la soddisfazione è stata tanta quando i piatti sono rimasti vuoti!
Vi mostro subito il risultato finale e poi passo alla spiegazione.



Ingredienti:

Per la pasta brisee 
100 gr di burro
200 gr di farina (io Milleusi Molini Pivetti)
70 cl di acqua

Per il ripieno dei saccottini
6 fettine sottili di pancetta coppata

Per la decorazione
fichi maturi

Per non essere ripetitiva, per la pasta brisee vi rimando qui.
Mentre la pasta riposava in frigo ho lavato in acqua fredda il mix di cereali (farro e orzo perlati, miglio e grano saraceno decorticati e riso parboiled) e l'ho poi messo in pentola a pressione con abbondante acqua, lasciando cuocere per 15 minuti dopo il classico fischio. Ho scolato i cereali, li ho fatti raffreddare sotto il getto d'acqua fredda e li ho versati in una ciotola e conditi con un pizzico di sale e un filo d'olio evo.
Ho steso la pasta brisee tra 2 fogli di carta forno ricavandone 12 dischi. Ho reimpastato e risteso i ritagli e ne ho formati altri 12 leggermente più piccoli.
Ho disposto i dischi più grandi nei pirottini (per evitarmi la briga di dover imburrare e infarinare lo stampo da muffin), all'interno di ognuno ho messo 1/2 fetta di pancetta, un paio di cucchiaini di cereali, 1/4 di sottiletta e li ho poi richiusi con i dischi più piccoli rimboccando. Una spruzzatina de Il Doratore e una spolverata di semi di papavero e via di corsa nel forno preriscaldato a 200° per 15-20 minuti.
Ho aggiunto ai cereali rimasti della fontina tagliata a cubetti e con l'aiuto di un coppa pasta ho formato un cilindretto in ogni piatto, ho disposto un paio di fettine di pancetta e i saccottini caldissimi. Il tocco finale dei fichi è stato piacevolmente sorprendente! Mi sono fatta ispirare dalle vostre numerose ricette in cui abbinate la frutta ai vostri piatti salati! E' stato un successone.

Grazie e... buon appetito! :-)

domenica 4 settembre 2011

Torta con i fichi

Stamattina all'alba ho fatto un giretto in giardino per smaltire la tensione dopo la corsa in ospedale di ieri notte con Mattia. Anche se alla fine non era niente di preoccupante, i nervi hanno ceduto dopo il rientro a casa e non sono riuscita a chiudere occhio.
Girando tra i miei alberi da frutto mi sono accorta che alcuni fichi erano maturi, altri addirittura se li stavano mangiando i merli! Ho raccolto i più maturi ed ho cercato sul web una ricetta che m'ispirasse per farne qualcosa di buono.
I fichi son già buoni da soli, quindi dovevo solo trovare una ricetta che ne esaltasse ancor più il gusto. Per un motivo o per un altro ho scartato a mano a mano le ricette, per poi decidere di fare di testa mia!
Dopo pranzo (e dopo aver disinfettato con mooooooolta fatica le ferite di Mattia), mi sono messa all'opera.


Ingredienti:
3 uova
180 gr di farina Milleusi Molini Pivetti
125 gr di yogurt bianco intero
120 gr di zucchero
1 bustina di lievito
aroma vaniglia FlavourArt
15 fichi maturi

Per prima cosa ho tolto la buccia ai fichi, li ho tagliati a fettine e li ho messi in un piatto fondo con un pò di zucchero e qualche goccia di limone.
In una ciotola ho sbattuto i tuorli con lo zucchero finchè sono diventati belli gonfi e spumosi, ho aggiunto lo yogurt, la farina e l'aroma di vaniglia. Poi ho incorporato con la spatola in silicone Happyflex con il solito movimento dall'alto verso il basso, gli albumi montati a neve fermissima. Per ultimo ho aggiunto il lievito.
Ho versato metà del composto sul fondo di una tortiera precedentemente rivestita di carta forno bagnata e strizzata, ho disposto a raggiera i fichi ed ho coperto con il composto rimasto. Ho spolverato un pò di zucchero sulla superficie ed ho cotto il tutto per una quarantina di minuti in forno preriscaldato a 170°.
In casa c'era un profumo delizioso... non vedevo l'ora di assaggiarla


Beh... sono proprio soddisfatta. Soffice e davvero buona!

A presto ;)

sabato 3 settembre 2011

Cappelletti e nuova collaborazione

Ciao a tutte! Come state? Finalmente è passata la prima settimana dopo il duro rientro dalle ferie.
Per riprendere un pò di energia, ed in ricordo dei 3 bellissimi giorni passati a Ravenna in compagnia della mia amica Lorena e della sua splendida famiglia, ieri pomeriggio ho deciso di preparare i cappelletti. Occasione adatta per annunciarvi la nuova collaborazione con Molini Pivetti, azienda leader da 5 generazioni nella produzione di farine.
La farina Milleusi che mi hanno gentilmente fornito è davvero ottima ed adatta a tutti gli usi, ricavata dalla macinazione dei migliori grani teneri.
Ma ora torniamo alla ricetta di oggi.


Per la pasta fresca:
5 uova
500 grammi di farina Molini Pivetti


Per la farcia:
350 gr di macinato magro
150 gr di grana grattugiato
250 gr di ricotta
sale e pepe q.b.
noce moscata

Per preparare la pasta fresca vi ho dato le dosi indicative, ma questa volta, per 5 uova, mi sono bastati 400 gr di farina. Ho disposto a fontana sulla spianatoia poco più della metà della farina ed ho amalgamato con la forchetta un uovo alla volta recuperando la farina dal centro verso l'esterno. Ho aggiunto farina poco per volta fino ad ottenere la consistenza desiderata e poi mi sono armata di olio di gomito ed ho iniziato ad impastare. Mi piace fare la pasta a mano: quando si hanno i nervi tesi è il modo giusto per scaricarsi!
Dopo una ventina di minuti ho ottenuto un impasto morbido, liscio e non appiccicoso. L'ho diviso in due e l'ho messo a riposare una mezz'oretta chiuso in bustine da freezer.
Nel frattempo ho preparato la farcia. Ho cotto in una padella antiaderente la carne macinata aggiustando di sale, pepe e abbondante noce moscata. Ho lasciato raffreddare un pò e poi ho versato tutti gli ingredienti nel mixer azionandolo fino a formare un bel composto sodo e compatto.
Ho tirato la sfoglia il più sottile possibile e con l'aiuto di un coppa pasta ho ricavato dei dischetti di 6 cm, ho inserito al centro mezzo cucchiaino di farcia, li ho prima chiusi a mezza luna schiacciando bene i bordi e poi arrotolato le due punte intorno all'indice, dando la classica forma a cappelletto.


Con il primo panetto sono riuscita a farne un'ottantina, ma alla fine erano un pò meno perchè ho DOVUTO assaggiarli!
Li ho disposti su una teglia rivestita di carta forno e li ho messi in freezer a rassodare mentre con il secondo panetto ho fatto dei ravioli, ritagliando prima dei dischi con un coppa pasta da 7 cm e ripassandoli poi altre 2 volte nella sfogliatrice.


 Lo so, non sono bellissimi ma vi assicuro che erano buonissimi.

Alla prossima :*