martedì 31 luglio 2012

Bicchierini di millefoglie

Buon giorno! Oggi sono particolarmente felice perchè finalmente il mio Bomber sta iniziando a dare i suoi frutti e finalmente il mio dito è in fase di guarigione e posso tornare ad impastare, impastare, impastare!!
Questa non è proprio una ricetta laboriosa, ma sabato non ero ancora in ottima forma hihihi
Ad ogni modo, uno dei miei dolci preferiti è la millefoglie, con quella consistenza crocco-morbidosa è davvero libidinosa.
La mia Lisa Bella me ne ha chiesta un'altra, super vanigliosa e con i ritagli di sfoglia e crema ho pensato di preparare questi golosissimi bicchierini.


Per la crema ho usato la ricetta del grande maestro Montersino: facile, veloce e di sicura riuscita! Vi riporto le dosi originali: io aumento la panna di 50 e diminuisco il latte dello stesso peso perchè ci piace di più ;)

200 ml di panna fresca
800 ml di latte intero
150/300 gr di tuorli
150/300 gr di zucchero semolato
35 gr di farina di riso
35 gr di amido di mais/fecola di patate
1 bacca di vaniglia

Si inizia mettendo in una pentola abbastanza capiente la panna con il latte. 
Pesiamo dai 150 ai 300 gr di tuorli (dipende da quanto leggera vogliamo che sia alla fine la nostra crema).
Incidiamo la bacca di vaniglia, estraiamo i semini ed inseriamoli nella planetaria con i tuorli e pari quantità di zucchero per almeno 10-15 minuti.
Nel frattempo facciamo scaldare il latte con la bacca di vaniglia.
Quando i tuorli saranno chiari, gonfi e spumosi, aggiungiamo le farine setacciate.
Il latte sarà pronto quando inizieranno a formarsi delle bollicine lungo i bordi della pentola. A questo punto togliamola dal fuoco, estraiamo la bacca di vaniglia, versiamo il composto di uova, rimettiamo sul fuoco e ... guardiamo la nostra crema... Quando il latte avrà coperto totalmente la crema, allontaniamo la pentola dal fuoco e con l'aiuto di una frusta a mano sbattiamo bene.
MAGIA... dopo 10 secondi la vostra crema sarà pronta, senza neanche l'ombra di un grumetto!
Versiamo subito la crema in un recipiente di vetro, copriamola con della pellicola facendola aderire bene e facciamola raffreddare in un recipiente con del ghiaccio. Mettiamo poi in freezer fino a completo raffreddamento.


Per i bicchierini ho solo fatto strati di briciole di sfoglia e crema.... peccato non averne un bicchierino anche adesso!!! ;-)

Un bacio e buon martedì a tutte!

venerdì 27 luglio 2012

Giropizza

Eccheccavolo!!!!!! Io ho bisogno di avere le mani in pasta :-(
Ma il mio maledetto dito ancora non mi da tregua e non vuol saperne di guarire... MALEDETTO!!!!
Dovreste vedermi.... sono proprio ridicola hahaha
Ieri avevo stranamente voglia di pizza, ma volevo provare a fare qualcosa di diverso dal solito, anche per rompere la monotonia: mi sembra di preparare sempre le solite cose... hihihi
Visto che l'esperimento del pane era ben riuscito, perchè non provarci anche con l'impasto di quella che doveva essere una pizza?!
Ho messo nella mdp:

150 ml di latte tiepido
100 ml di acqua tiepida
20 gr di lievito 
300 gr di farina 00
200 gr di farina manitoba
100 gr di strutto
50 gr di feta sbriciolata
5 gr di sale

Ho azionato il programma impasto e dopo due ore la pagnottella era più che triplicata!
L'ho stesa sul piano infarinato con l'aiuto  del mattarello, ne ho ricavato un rettangolo e l'ho farcita con mozzarella e prosciutto crudo.
L'ho poi arrotolata, tagliata a fettine e disposta sulla teglia rivestita di carta forno.


Ho lasciato lievitare nuovamente le mie girelle nel forno spento ma con la luce accesa per un'altra oretta


le ho spennellate con del latte ed ho acceso il forno a 230°. Quando è arrivato in temperatura, ho fatto cuocere le girelle ancora per 7-8 minuti, fino a doratura.


Non buone, buonissime, come ha detto Mattia! Asia, che formaggio non ne mangia, se ne è pappate 3!
Sofficissime e gustosissime, da provare quanto prima con qualche altro ripieno ;-)

Con questa ricetta partecipo al contest 



Beh... buona giornata

mercoledì 25 luglio 2012

Auguri Manuel

Oggi è il compleanno del mio nipotino, che poi tanto "ino" non è. Mi ricordo ancora quando andavo a prenderlo all'asilo 10 anni fa ed ora... è uno spilungone di 16 anni.
Oddio... sto invecchiando!!!!!! Gli anni passano sempre più in fretta, volano, come lui in dirittura d'arrivo ;-)
Gli ho preparato un pds cioccolatoso come piace a lui, farcito con crema al mascarpone e Nocciolata RdA e stuccato di ganache al cioccolato fondente.

Così, per chi mi segue su Facebook, ecco svelato il particolare della foto di ieri.


Non era una papera, non era un cappello, ma bensì... il fondo schiena del ciclista!




Ancora tanti auguri Malle ;-)

martedì 24 luglio 2012

Coppette di verdure - ricetta svuotafrigo

Veramente, più svuota orto che svuota frigo!
Eh già, il mio piccolo orticello continua a dare i suoi frutti ed io faccio fatica a stargli dietro, ma con questa ricettina veloce ho trovato un'alternativa davvero sfiziosa!
Nel cassetto della verdura avevo delle zucchine, delle melanzane, delle carote e dei pomodori. In una padella antiaderente ho soffritto due spicchi d'aglio ed ho cotto (ma non scotto, quindi una decina di minuti a fuoco basso e con il coperchio) le verdure tagliate grossolanamente e aggiustato di sale con un paio di cucchiaini di dado vegetale.
Nel frattempo ho ricavato da un rotolo di pasta sfoglia dei dischi con cui ho foderato gli stampini della teglia da muffins, a cui ho precedentemente spennellato il fondo ed i bordi con del burro fuso, creando le coppette. Ho lasciato riposare in frigo la teglia per una mezz'oretta, fintanto che le verdure si raffreddavano.
Intanto ho tagliato a cubetti piccoli del prosciutto cotto (quello che al banco frigo vendono come "da toast") e della feta.
Dopo aver bucherellato il fondo delle coppette di sfoglia con i rebbi della forchetta, ho distribuito su ognuna il prosciutto, la feta, le verdure ed infine un paio di cucchiaini di un uovo sbattuto con un pò di latte, parmigiano grattugiato, una macinata di pepe ed un pò di panna da cucina.
In forno a 200° per una ventina di minuti e....


Ottimi come antipasto o per uno spuntino!

Baci baci

lunedì 23 luglio 2012

Torta delle rose

Quando ho visto a casa di Morena questo sofficissimo impasto non ho resistito ed ho subito voluto provarlo.
Ahimè in casa non avevo lievito fresco ed ho voluto (dovuto) sperimentare il mio nuovo licoli, forse ancora un pò troppo giovane, ma si sa... io, pazienza zero!!! Eccomi infatti alle prese con questo nuovo lievito, molto più facile da gestire della mia defunta Alma, tant'è vero che questa mattina, quando sono andata a prenderlo per rinfrescarlo, era esploso... forse ce n'era più fuori che dentro al vasetto... hihihi
Ma torniamo alla ricetta...
Avendo ancora la mano destra infortunata dopo l'incidente con lo zucchero della settimana scorsa, ho deciso di far preparare l'impasto alla mia adorata mdp...
Per prima cosa ho fatto sciogliere nel microonde 60 gr di burro e l'ho lasciato raffreddare.
Poi ho versato nella mdp gli ingredienti in quest'ordine:
120 gr di licoli
150 ml li latte tiepido
30 ml di acqua tiepida
1 uovo leggermente sbattuto
450 gr di farina manitoba
50 gr di farina di riso
100 gr di zucchero
4 gr di sale
la buccia grattugiata di un'arancia
Ho azionato il programma impasto e quando tutti gli ingredienti erano ben amalgamati ho aggiunto, poco alla volta, anche il burro.
Ho lasciato lievitare l'impasto nella mdp fino al termine del programma, poi l'ho steso sul piano formando un rettangolo, l'ho spalmato di marmellata di arance amare RdA e l'ho arrotolato.
Con un coltello affilato l'ho tagliato a rondelle disponendole nella tortiera leggermente distanziate, ho spennellato la superficie con del latte ed ho lasciato lievitare nel forno spento ma con la luce accesa per un paio d'ore.
Ho poi cotto la torta a 170° per una quarantina di minuti.


Un piccolo scorcio della torta che, con quella crosticina croccantina ed il ripieno morbido ma non troppo dolce, era davvero irresistibile ed è stata sbranata ancora calda!!!

Con questa ricetta partecipo al contest di Luna Nera Azzurra



Buon inizio settimana ;-)

sabato 21 luglio 2012

Gelato ai frutti di bosco senza gelatiera


Per ovviare al caldo torrido, dopo una giornata stressante di lavoro, cosa c'è di meglio di un fresco gelato!? Peccato solo non averne una vaschetta in freezer!
Ma a tutto c'è rimedio, tranne alla dieta che vorrei ma non riesco proprio a fare...
Allora ho pescato dal freezer una confezione di frutti di bosco da 300 gr, dal frigo un brick da 250 ml di panna fresca e dalla dispensa due cucchiaini abbondanti di zucchero a velo.
Ho messo tutto nel mixer, azionato per qualche secondo alla massima velocità e... PRONTO!
Un'ottima idea per una merenda fresca e gustosissima: i vostri bimbi, piccoli o grandi che siano, apprezzeranno senza ombra di dubbio ;-)

Delizioso con un pò di crema pasticcera alla vaniglia

E se per caso ne avanzasse un pò, potete benissimo metterlo in freezer in una vaschetta riciclata: vi basterà tenerlo a temperatura ambiente per 5 minuti e dargli una mixata con il minipimer prima di servirlo nuovamente!

Con questa ricetta partecipo al contest di Vicky e Tina


Buon gelato ;-)

martedì 17 luglio 2012

Insalata di farro

Sogno, o son desta!?!?

Stavamo girovagando per le corsie del supermercato quando Asia mi si avvicina e mi chiede, sottovoce "mamma, compriamo il farro, così mi fai l'insalata?".... Cosa odono le mie orecchie!?!?!? Ma certo, cucciola della mamma.... sono anni che predico di mangiare cereali, ricchi di fibre, vitamine e proteine!!!
Oggi, appena rientrata dal lavoro, ho preso il pacco intero e l'ho lessato per 15 minuti in abbondante acqua salata. Una volta scolato, l'ho lavato sotto il getto d'acqua corrente, l'ho steso sulla placca del forno rivestita di carta forno per farlo raffreddare completamente e l'ho irrorato con dell'olio evo per non far attaccare i granetti.
Nel frattempo ho messo a macerare in una ciotola dei pomodorini ciliegina e due mozzarelle tagliati grossolanamente, ho versato una lattina di mais dolce, spezzettato delle foglie di basilico fresco e condito con sale, pepe ed olio evo.
Quando il farro si è raffreddato, l'ho versato in un'insalatiera capiente, alternandolo con i pomodori. Una bella mescolata ed il gioco è fatto, anzi.... la cena è servita. Più facile di così.... ;-)


Bello, fresco e soprattutto buonissimo! Ancora meglio il giorno dopo ;-)

domenica 15 luglio 2012

Il compleanno di Andrea

Oggi abbiamo festeggiato il compleanno di Andrea, il migliore amico di Mattia. 
Inizialmente voleva la torta "dell'euro", ovvero la riproduzione di una banconota da 5 euro, ma fortunatamente Annalisa mi ha chiesto Ben 10! Fare un cake topper era purtroppo impossibile, visto l'andamento degli ultimi tempi, quindi ho optato per la soluzione 2d, ma....
Stava STRANAMENTE filando tutto liscio come l'olio, quando ieri mattina, mentre Mattia rompeva uno dei miei attrezzini, ho inserito nel microonde un pezzettone di pdz. Siccome non si può sgridare un bambino senza ben guardarlo con occhi cattivissimi, la mia mano destra è finita nel microonde alla ricerca del pezzo di pdz e... AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAH... acqua acqua acquaaaaaaa... mi sono superustionata 2 dita!! Tra urla di dolore e inca.....tura astronomica, sono entrata nel panico! E adesso come faccio a finire tutto? Di corsa in farmacia perchè lo spray anti ustione non era sufficiente, quindi pomata e fasciatura!
Ma sarà mai possibile che capitino tutte e me!?
Fortunatamente avevo già pronti in freezer bignè e cannoli di pasta sfoglia, ma mi mancavano le pizzette e la torta! Ho dovuto chiamare in soccorso la mia amica Mary, che sotto le mie direttive, mi ha aiutata un sacco.
Stamattina invece, il mio aiutante è stato... rullo di tamburi.... mio marito!!! Ma ci credete!? Che bello vederlo impastare la pdz, colorarla, stenderla e finire di ritagliare la cialda di copertura della torta!
Poi, come se non bastasse, ha pure usato la sac-a-poche per riempire bignè e cannoli... da non credere! E la cosa più bella è che si è pure divertito!!!!


La torta era un pds farcito con crema pasticcera; i bignè e i cannoli ripieni di crema al cioccolato bianco.


l'omnitrix in fase trasformazione aliena

Andrea tiene fiero la sua torta

L'assalto a Ben 10!!!

Pomeriggio allegro, trascorso velocemente perchè in ottima compagnia, tra giochi, tuffi in piscina, balletti e ovviamente... grande abbuffata! Che fatica riportare i bambini a casa....

E ora... doccia e nanna!!! Buona notte ;-)

venerdì 13 luglio 2012

Tanti auguri a me... parte seconda

Ieri sera ho festeggiato in famiglia e con pochi amici, con un dolce a detta di tutti, davvero squisito! La foto non gli rende affatto onore, ma ve lo consiglio vivamente!
Negli ultimi giorni ho la fissa del limone e quando ho visto questa torta ho pensato che sarebbe stata quella giusta per il mio compleanno ;-)


Prendiamo insieme gli ingredienti:
5 uova
200 gr di zucchero
200 gr di mandorle
150 gr di burro fuso
200 gr di cioccolato bianco
la scorza di due/tre limoni
50 gr di fecola
1 bacca di vaniglia
1 bustina di lievito
1 bicchiere di crema di limoncello

Nella planetaria montiamo le uova intere e a temperatura ambiente con 100 gr di zucchero fino a farle almeno triplicare di volume (ci vorranno 15 minuti buoni).
Nel frattempo riduciamo in farina le mandorle con i restanti 100 gr di zucchero, sciogliamo nel microonde il burro e tagliamo a pezzettini il cioccolato bianco.
Versiamo in una ciotola capiente la farina di mandorle, il cioccolato, il burro ormai raffreddato, grattugiamo la buccia dei limoni, aggiungiamo i semi della bacca di vaniglia, la fecola ed il lievito setacciati. Mescoliamo bene e amalgamiamo la crema di limoncello.
Sacrifichiamo un pò di composto di uova ben montate, incorporiamolo per ammorbidire l'impasto e poi aggiungiamo delicatamente il resto del composto mescolando dal basso verso l'alto senza smontarlo troppo.
Versiamo tutto nello stampo in silicone e inforniamo nel forno preriscaldato a 170° per un'ora (se dopo la prima mezz'ora dovesse scurirsi troppo, copritelo con della carta stagnola).
Lasciamo raffreddare un pò la torta prima di sformarla e cospargerla di zucchero a velo!

Provatela.... non ve ne pentirete!

P.S. Grazie a tutti quelli che sono passati a farmi gli auguri... vi voglio bene!

giovedì 12 luglio 2012

Tanti auguri.... a me!

Oggi è il mio compleanno: bello arrivare ai 35 e... sentirli tutti!!! hahahaha
Anche ieri è stata una giornata piena: il rientro al lavoro, la visita inaspettata della mia amica Elisa e la sua tribù e Mattia che ha ben pensato di farsi pungere da una vespa... Tutti i miei bei propositi sono andati in fumo, ma dovevo portare qualcosa in ufficio, per accontentare il palato e la pancia delle mie colleghe!
Eccomi all'opera ieri notte con dei profumatissimi muffins alla crema di limoncello!

Gli ingredienti:
100 gr di farina 00
50 gr di fecola
75 gr di zucchero a velo 
1/4 di bustina di lievito
55 gr di burro
1 uovo
80 ml di panna fresca
40 ml di latte
5 cucchiai di crema di limoncello
vaniglia 

In una ciotola setacciate le farine. Dopo aver sciolto il burro ed averlo fatto raffreddare, aggiungere tutti i liquidi e mescolare bene. A questo punto incorporare le farine ai liquidi con una frusta a mano, ma senza lavorare troppo l'impasto.
Versare un pò di composto nei pirottini o negli stampi da muffin leggermente imburrati ed infarinati e cuocere in forno preriscaldato a 180° per 15/18 minuti.


Buona giornata!!!

martedì 10 luglio 2012

Il battesimo di Nicole

Che settimana quella appena passata... Spero davvero che non ce ne siano altre così o rischio di tirare il botto! 
Per il 1 luglio c'era in programma il battesimo di Nicole e Corrado (il papà) mi aveva informata per tempo quindi mi ero organizzata per benino anche se ero un pò nervosa perchè, per una ricorrenza così importante, volevo riuscire a fare tutto al meglio.
A metà giugno mi ha chiamata Corrado dicendomi che il sacerdote si era dimenticato del campo scuola e che si doveva rimandare il battesimo di una settimana... subito gli ho detto che non c'erano problemi, pur avendo la strana sensazione che ci fosse qualcos'altro in programma per quella domenica... Ho focalizzato dopo che avevo il corso di Deby, organizzato per l'8 luglio, per imparare a fare le sue splendide rose ed io, manco a dirlo, mi ero prenotata un posticino!!!
Tenevo a tutti e due gli eventi, ma ho deciso di fare tutto con calma ed ho "tirato pacco" alla mia Deby :-( una ragazza d'oro! Vabbhè, avrò di sicuro un'altra occasione ;-)
Come se non bastasse, due settimane fa mia mamma è andata a fare delle visite di controllo e le hanno trovato la tiroide un pò troppo ingrossata: bisogna operare al più presto. Esami, visite, risonanze, raggi e tac... l'intervento fissato per giovedì 5 luglio! Volevo credere che fosse uno scherzo....
Ho quindi pensato bene di prendermi avanti preparando almeno in anticipo i panini e i bignè, ed è stata una gran mossa!
Sabato pomeriggio l'ho passato in cucina a preparare tramezzini, a sfornare pizze e focaccie, salatini di pasta sfoglia, biscotti e ovviamente.... la torta: 2 basi alla vaniglia, farcite con crema pasticcera e pasta di fragole, stuccata con ganache al cioccolato bianco, ricoperta e decorata in pdz!

Per le basi:
5 uova
200 gr di zucchero
250 gr di farina 00
50 gr di maizena
1 bacca di vaniglia
50 ml di olio di semi
150 ml di latte intero
1 bustina di lievito

Montate le uova con lo zucchero e i semi della bacca di vaniglia, aggiungete poi a filo il latte e l'olio e poi incorporate le farine precedentemente setacciate, un pò per volta.
Infornate per circa 40 minuti nel forno preriscaldato a 170°.
Ripetete quest'operazione per creare la seconda base.

Per la bagna ho usato della profumatissima e saporitissima pasta di fragole, passata al setaccio con del latte.

Per stuccare la torta prima della copertura in pdz, ho fatto una golosa ganache al cioccolato bianco.
Ho fatto sciogliere benissimo 200 gr di cioccolato bianco in 400 ml di panna fresca portata quasi a bollore in un pentolino antiaderente. Lasciata raffreddare a temperatura ambiente, poi in frigo per mezz'oretta e infine montata con le fruste elettriche.

Ecco la torta....






Con un'ora abbondante di ritardo sono riuscita ad arrivare e a consegnare tutto... 
Tutto bene quel che finisce bene ;-) 
Mi dispiace solo di non aver potuto festeggiare con loro....

Ancora tanti auguri piccolina!!!

giovedì 5 luglio 2012

Grissini con pm (e anche no!)

Ebbene si, la pm-mania dilaga e anch'io... mi ERO fatta prendere!!!
La mia Alma è nata il 17 aprile e non ha mai goduto di ottima salute, ho dovuto curarla parecchio! Per questo devo ringraziare la mia grande Sis che mi ha seguita continuamente passo passo (grazie Santo Skype!) e si è pure beccata i miei servizi fotografici ;-)
Qualche settimana fa l'abbiamo legata, povera piccola, ma il sabato mattina non resistevo. Ero febbricitante come un bambino davanti ad un negozio di giocattoli...
Dopo la slegatura l'ho rinfrescata e un pezzetto l'ho usato per fare dei profumatissimi grissini al rosmarino.
Quindi questi grissini son belli che finiti da un pò, ma la prossima volta saranno fatti con il lievito classico... la mia Alma è purtroppo deceduta. Ho avuto troppi impegni e l'ho lasciata andare :(
Magari con la calma delle ferie proverò con il li.co.li, e magari andrà meglio!
Piccola premessa per chi non ha la pm: il rapporto con il lievito di birra è 10:1 pertanto 100 gr di pasta equivalogno a 10 gr di lievito fresco ;-)


Ma veniamo al dunque con la ricetta (presa da Nunzia):

500 gr di farina 00
250/280 ml di acqua
180 gr di lm (io 200 perchè ERA ancora troppo giovane)
10 gr di sale
50 gr di olio
1 cucchiaino di malto
rosmarino fresco
farina di semola di grano duro
olio per spennellare

Iniziamo facendo sciogliere il lievito madre nell'acqua e aggiungiamo il malto; poi aggiungiamo la farina, il sale e per ultimo l'olio leggermente emulsionato e lavoriamo fino a quando l'impasto non sarà ben incordato.
Aggiungiamo ora il rosmarino tritato e lasciamo lievitare al calduccio almeno per 3 ore.
Trascorso il tempo di lievitazione infariniamo il nostro piano da lavoro e stendiamo l'impasto schiacciandolo leggermente cercando di formare un rettangolo. Procediamo con le pieghe a tre, sovrapponendolo per due terzi e sovrapponendo poi la terza parte lasciata scoperta.
Ora facciamo lievitare di nuovo per un'oretta e poi.... arriva il bello!
Riprendiamo l'impasto e con un coltello ben affilato iniziamo a tagliarlo ad una larghezza di circa 2 cm. Partendo dal centro, allunghiamo i grissini, attorcigliamoli leggermente, passiamoli nella semola e poggiamoli nella teglia. Prima di infornarli nel forno preriscaldato a 180°, spennelliamo con un pò d'olio e lasciamoli cuocere per circa 20 minuti, o fino a doratura!

Che ne dite, li provate anche voi!?