lunedì 29 aprile 2013

Treccia russa

Ma quant'è buona, ma quant'è buona, ma quan'è buona!!! 
Me ne sono innamorata due settimane fa al corso che ho fatto con Morena e sta già facendo furore!


Potete usare lo stampo che preferite: quello da plum cake, quello a ciambella o, come in questo caso, quello da focaccia. Con le dosi che vi riporto ne ho fatte due (stampo da 17).

550/600 gr di farina (io ho usato metà 00 e metà manitoba)
250 ml di latte 
10 gr di lievito
100 gr di zucchero
90 gr di burro
2 uova intere
5 gr di sale
inoltre, per la farcitura:
50 gr di burro
zucchero di canna
cacao amaro in polvere

Iniziamo preparando il lievitino: sciogliamo in una ciotolina il lievito nel latte e mescoliamo a qualche cucchiaiata di farina (presa dal totale) fino a formare una cremina. Ricopriamo il tutto con una bella spolverata di farina, copriamo la ciotola con della pellicola e lasciamo lievitare: sarà pronto quando sulla superficie si formeranno delle crepe.
Setacciamo la farina sulla spianatoia (tenendone da parte 50 gr), creiamo la classica fontana, versiamo il lievitino ed iniziamo ad impastare aggiungendo gradatamente lo zucchero, le uova ed il sale. Quando l'impasto sarà ben incordato aggiungiamo il burro ammorbidito (vedete a questo punto se è il caso o meno di aggiungere gli ultimi 50 gr di farina).
Lavoriamo l'impasto fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo e mettiamolo a lievitare, fino al raddoppio, in una ciotola leggermente oliata e coperta con pellicola.
Trascorso il tempo di lievitazione riprendiamo l'impasto, stendiamolo delicatamente con un mattarello formando un rettangolo con il lato lungo verso di noi, spalmiamo il burro (io uso le mani) e spolveriamo di (io abbondante) zucchero di canna e cacao amaro. Se ne fate due come nel mio caso questo è il momento di dividere l'impasto a metà!
Arrotoliamo partendo dal basso verso l'alto, posizioniamo il rotolo in verticale allungandolo ancora delicatamente e tagliamolo a metà (formando due "ciocche") fermandoci ad un paio di cm dalla fine. Otterremo una V rovesciata. Giriamo leggermente i due lembi in modo da tenere gli strati verso l'alto e giriamo la sommità su se stessa formando una rosellina e poi iniziamo ad intrecciare.
P.S. nel post di Morena c'è anche il passo passo.... ma credetemi se vi dico che è più facile a farsi che a spiegarsi!!! :-)
Mettiamo a lievitare nello stampo ancora coperta con pellicola.
Una volta terminata la terza lievitazione, cuociamo in forno statico a 170° per una mezz'oretta.
Fate raffreddare su una gratella e... pronti a gustarla!


Alla prossima ;-)

giovedì 25 aprile 2013

Nutellino

Questo liquore è davvero velocissimo da preparare e soprattutto da gustare! Lo si prepara la sera, la mattina si imbottiglia e poi si può già fare la prova assaggio!!! Beh forse è meglio aspettare il pomeriggio, altrimenti affrontare la giornata potrebbe diventare complicato, anche perchè un bicchierino proprio non basta!!! hihihi
Vi serviranno (ma nessuno vi vieta di raddoppiare la dose...):

300 gr di Nutella
200 gr di panna
300 ml di latte
50 gr di zucchero
80 ml di alcool a 95°

Fate sciogliere la nutella e lo zucchero nel latte e la panna mettendo la pentola sul fuoco e spegnete quando prenderà a bollire. Date una bella mescolata e lasciate raffreddare tutta la notte, coperto con un canovaccio pulito ed asciutto.
La mattina successiva mescolate bene con una frusta, aggiungete l'alcool, mescolate nuovamente e imbottigliate!

Les jeux sont faits ;-)


Si conserva in frigo. Si formerà in superficie un tappo che potrete facilmente sciogliere ruotando uno stecchino lungo (quelli da spiedino per intenderci), agitate e servite.
Cin cin... :-D

mercoledì 24 aprile 2013

Ciabattine alle olive

Asia le adora, ed ogni volta che entriamo in un panificio non è contenta se non usciamo con ALMENO un panino con le olive. Era più di una settimana che mi chiedeva di prepararle il pane per portarselo a scuola e ieri mi sono decisa. Ottima idea davvero, peccato averne fatte così poche hihihihi, ma sono così facili e veloci che le rifaremo moooolto presto!!! :-) E poi è adatto a chi non ama "sporcarsi le mani" :-P


Gli ingredienti per queste quattro ciabattine (per la dimensione tenete conto che sono sulla griglia del microonde!):

250 gr di semola rimacinata di grano duro
5 gr di lievito di birra
1 cucchiaino di malto di riso
un pizzico di sale
170 ml di acqua
olive denocciolate (a piacere)

In una ciotola ho sciolto il lievito ed il malto nell'acqua leggermente intiepidita, ho aggiunto metà farina ed ho mescolato l'impasto con una spatola in silicone. Ho aggiunto il pizzico di sale, le olive tagliate a rondelle, ho mescolato ancora con la spatola incorporando infine il resto della farina.
Ho oliato un'altra ciotola, inserito l'impasto, coperto con pellicola e messo a lievitare in forno per un'ora e mezza con il forno impostato a 30°.
Terminata la lievitazione (il volume era più che raddoppiato) ho spolverato di farina un pezzo di pellicola poggiato al piano di lavoro leggermente inumidito ed ho delicatamente versato l'impasto. L'idea iniziale era quella di fare una ciabatta unica ma, come sempre, cambio idea in fase d'opera quindi se ne fate anche voi più di una, potete spolverare direttamente il piano da lavoro, senza la pellicola.
Senza lavorarlo e con l'aiuto di una spatola d'acciaio ho diviso l'impasto in 4 pezzi. Essendo molto idratato sarà molliccio ma niente paura... siamo sulla strada giusta.
Ho foderato quindi la placca con carta forno e vi ho rovesciato le ciabattine (la parte infarinata verso l'alto) ed ho fatto lievitare di nuovo, sempre coprendo la placca con pellicola, per un'altra oretta nel forno alla minima temperatura (o fino a quando si formeranno delle crepe alla farina sulla superficie).
Ho ripreso la teglia, ho preriscaldato il forno a 230°, ho inserito un paio di ciotoline d'acqua e, a temperatura raggiunta ho infornato a metà altezza per 15-18 minuti.
Dopo una decina di minuti ho girato il pane per farlo ben asciugare anche sotto (non so se era necessario ma la cucina è decisamente soggettiva, anche in questo) e gli ultimi 3 minuti ho acceso il grill... (ammetto, avevo fretta perchè dovevo uscire!!!)


Il verdetto dell'assaggiatrice ufficiale (di parte, molto di parte) è stato: SQUISITO! :-)

La prossima volta, però, aggiungerò un pizzico in più di sale e non avrò fretta di cuocerlo.... spero!

Baci baci

lunedì 22 aprile 2013

Torta con rose di mela

Quando bazzicando su fb l'ho incontrata, è stato amore a prima vista. Era così bella che con potevo non cercare di riprodurla. Ecco allora che in un pomeriggio che all'inizio sembrava piovoso, è nata lei, che al momento di essere sfornata, ci ha donato qualche caldo raggio di sole! Sarà stato merito suo?!!? 


Serviranno:
1 o 2 mele
100 gr di zucchero
200 ml di acqua
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
3 uova
200 gr di zucchero
scorza grattugiata di un limone
150 gr di burro
250 gr di farina
50 gr di frumina
1/2 bustina di lievito


Lavate ed asciugate le mele (ne ho usata una che pesava quasi 300 gr, quindi regolatevi in base a quelle che avete) ed affettatele sottilmente, possibilmente dello stesso spessore (io ho usato l'affettatrice).
Nel frattempo portate a bollore l'acqua con lo zucchero e la cannella in una larga padella, inserite le fettine di mela e fatele cuocere per qualche minuto, finchè si saranno ammorbidite ma non si sfalderanno e fatele asciugare su carta assorbente.
Fate sciogliere per qualche secondo nel microonde il burro.
Montate le uova con lo zucchero e la scorza grattugiata del limone. Quando saranno gonfie e spumose aggiungete il burro sciolto e ormai freddo e, sempre con le fruste, aggiungete infine la farina setacciata con il lievito.
Preriscaldate il forno a 170°.
Imburrate ed infarinate lo stampo, versate il composto e livellatelo con una spatola.
Su un foglio di carta forno formate delle strisce sovrapponendo le fettine di mela, arrotolatele e formate le roselline che andrete a posizionare nell'impasto (le fette erano molto grandi ed ho tagliato un pò la base)
Infornate per 35-40 minuti (vale la prova stecchino).
Sfornate e con lo sciroppo che avrete avanzato dalla cottura delle mele ed un pennello, lucidate le vostre rose.
Lasciate raffreddare completamente prima di sformare e poi.... dateci dentro!
Delizioso, con quella crosticina croccantina e l'interno soffice e quasi cremoso alla base delle rose.


Ve ne offro una fettina, vi va?

Baci baci, alla prossima ;-)

lunedì 15 aprile 2013

Chocolate fudge di Nigella

Siete amanti del cioccolato, in tutte le sue forme e non potete restistergli!? Beh, questa è la torta che fa per voi... L'unico accorgimento...

CREA DIPENDENZA


Per questa ho usato metà dose (diametro 20) e l'ho farcita con crema lindor, sgarrando alla glassa FUDGE che comunque vi riporto ;-)

Per la torta:
400 gr di farina
250 gr di zucchero semolato
100 gr di zucchero di canna
50 gr di cacao amaro
2 cucchiaini di lievito per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di sale
3 uova
142 gr di panna acida (io ho usato yogurt bianco)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
175 gr di burro fuso
125 ml di olio di mais (o comunque delicato)
300 ml di acqua fredda

Per la glassa fudge:
175 gr di cioccolato fondente
250 gr di burro morbido
275 gr di zucchero a velo setacciato
1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Iniziamo preriscaldando il forno a 180° ed imburrando ed infarinando la tortiera.
Prendiamo tre ciotole ed inseriamo nella prima i solidi (farina, zuccheri, cacao, lievito, bicarbonato e sale), nella seconda sbattiamo le uova con la panna acida e l'estratto di vaniglia e nell'ultima emulsioniamo al burro fuso e raffreddato, l'olio e l'acqua.
Aggiungiamo le farine, tutte in una volta, all'emulsione e mescoliamo a bassa velocità. Infine incorporiamo il composto di uova e versiamo il composto nella teglia.
Inforniamo e lasciamo cuocere per un'oretta (vale la prova stecchino, pur essendo un dolce per niente asciutto e che non necessita in alcun modo di essere bagnato).
Mentre la torta si raffredda prepariamo la glassa sciogliendo a bagnomaria il cioccolato fondente. In una ciotola sbattiamo il burro con lo zucchero a velo e quando avrà una consistenza spumosa aggiungiamo l'estratto di vaniglia ed incorporiamo il cioccolato fuso fino ad ottenere una crema liscia e lucida.
Tagliamo la torta e farciamola tenendo un pò di glassa per decorarla anche all'esterno.

Giusto per non farsi mancare nulla, ho cosparso la superficie con gocce di cioccolato e rifinita con ciuffetti di panna, montata con latte condensato.

Questo si è un vero peccato di gola! :-P

sabato 13 aprile 2013

Focaccia supersoffice coi fiocchi di latte

Ormai non passa settimana che non sforni la focaccia con le cipolle, ma ieri avevo voglia di sperimentare. Avevo visto che Federica l'aveva fatta con il mascarpone, io in frigo avevo i fiocchi di latte e... perchè no?!? Male che vada, me la mangio tutta io.... :-)
Ma quando mai.... ieri per pranzo ne avevo nascosto un pezzetto e me la sono gustata di nascosto... hihihi che mamma snaturata!

200 gr di farina manitoba
300 gr di farina 00
20 gr di sale
250 gr di fiocchi di latte
20 gr di lievito di birra 
1 cucchiaino di malto di riso
230 ml di latte
1 cucchiaio di strutto

Per prima cosa facciamo intiepidire il latte e sciogliamo il malto ed il lievito.
Mettiamo a sciogliere anche lo strutto e nel frattempo in una ciotola capiente mescoliamo bene le farine con il sale. Aggiungiamo il latte, di seguito i fiocchi di latte ed iniziamo ad impastare. Per ultimo incorporiamo lo strutto sciolto e ormai freddo. Lavoriamo l'impasto per una decina di minuti o finchè non otterremo un composto morbido, liscio e che non appiccica più alle mani, eventualmente aiutandoci con una spolveratina di farina.
Formiamo una palla e mettiamo a lievitare al calduccio nel forno spento ma con la luce accesa per un paio d'ore.
Riprendiamo l'impasto, sgonfiamolo delicatamente e stendiamolo con le mani direttamente sulla placca del forno leggermente unta d'olio. Facciamo un'emulsione con pari acqua ed olio evo e bagniamo la superficie della nostra focaccia.
Mettiamo la teglia nel forno e lasciamo lievitare nuovamente per almeno un'ora.
Mentre aspettiamo affettiamo la cipolla finemente e condiamola con sale, olio ed origano.
Estraiamo la teglia, accendiamo il forno a 200° e cospargiamo la focaccia con la cipolla. Inforniamo per almeno 20 minuti o finchè l'impasto non si staccherà bene dalla teglia ed avrà un colorito molto invitante!


Farcitela come più vi piace... io oltre alla nostra classica cipolla, questa volta ne ho farcita metà con Asiago e chiodini... fenomenale!


Di un soffice incredibile e di una bontà infinita.... ma io sono di parte. Provatela e fatemi sapere.

Baci baci

mercoledì 10 aprile 2013

La torta per la Prima Comunione di Asia

E anche questa è fatta! Anche Asia ha fatto la Prima Comunione.

La sua torta doveva essere bianca e non dovevano mancare la bambina che prega vestita con la tunica bianca e la colombina...  e come non accontentarla? <3 <3 <3




Le basi sono pds farciti, uno con due strati di crema di mascarpone, nutella e granella di nocciole, bagnato con nutellino; e l'altro con due strati di crema pasticcera alla vaniglia e fragole, bagnato con crema al limoncello.


Sono proprio fiera di lei e della torta che le ho preparato!

Baci baci e alla prossima... ;-)

martedì 9 aprile 2013

Kirby

Sulla torta della sua Prima Comunione, GIOVANNI ha voluto Kirby...
E chi è?!?!!? Per fortuna Cristina mi ha inviato la foto (hihihi)


e questo è quello che ne è uscito.... che dite?!



Non avevo mai ricoperto una palla, non è stato semplicissimo, ma alla fine sono stata molto soddisfatta del risultato! 

E Giovanni?!?!!? Aspetto qui la tua risposta! <3 <3 <3

Baci baci

mercoledì 3 aprile 2013

Gnocchi all'acqua

Giovedì gnocchi!!! 
Ops, ma oggi è mercoledì... 

Machisseneeeee......

Quando la voglia di gnocchi LI assale, LI assale e basta.... e per fortuna c'è Cri che mi salva la cena! Ho visto proprio ieri i suoi gnocchetti semintegrali all'acqua e stasera eccoli pronti anche nei nostri piatti.

Facili, veloci e salva-cena.... che si può desiderare di più?!?!


Dosi per 4 persone di buona forchetta (come noi hihihi...)

100 gr di farina integrale
300 gr di farina 00
400 ml di acqua
sale q.b.

Quando l'acqua con il sale raggiungerà il bollore, togliete la pentola dal fuoco e versate la farina tutta in una volta. Mescolate velocemente amalgamando il tutto e versate il composto sul piano da lavoro leggermente infarinato. Lasciate freddare un paio di minuti e poi lavorate l'impasto con le mani per compattarlo. Create i classici salsicciotti e tagliate gli gnocchi disponendoli leggermente distanziati sul piano infarinato fino al momento della cottura.

Scegliete il condimento che preferite, oggi ve li offro con ragù di carne, chiodini e una generosa spolverata di parmigiano


Buon appetito ;-)

martedì 2 aprile 2013

Roll al cioccolato

E pensare che questa ricetta l'avevo annotata da un sacco di tempo e mai provata perchè la ritenevo troppo difficile!
L'ho accantonata e poi ho pure avuto il coraggio di provarne altre, trovate su blog/siti apparentemente affidabili, ma ogni volta è stato un vero e proprio flop! Odio trovare ricette non valide... anzi lo detesto proprio!


Con questa però potete assolutamente andare sul sicuro! Vi serviranno:

Per la pasta biscotto:
3 uova
200 gr di zucchero
130 gr di farina 00
2 cucchiaini di lievito per dolci
50 ml di latte

Per la farcitura:
ganache al cioccolato 
(in questo caso al latte, per smaltire un pò delle uova che sono state rotte in questi giorni! quindi 250 ml di panna, 300 gr di cioccolato e una nocciolina di burro)

Preriscaldate il forno a 220° e foderate la placca con carta forno. 
In una ciotola capiente montate le uova intere con lo zucchero fino a farne triplicare il volume. Sempre con le fruste aggiungete la farina setacciata con il lievito e per ultimo incorporate il latte.
Versate la pastella ottenuta sulla teglia del forno e, con l'aiuto di una spatola, livellatela in modo da riempire uniformemente tutta la placca.
Infornate e fate cuocere per 11 minuti. (*)
Passate subito il foglio sul piano di lavoro, spolverate la pasta biscotto di zucchero semolato, coprite con un altro foglio di carta forno e rovesciatelo con un colpo secco. (**)
Togliete delicatamente la carta e, ancora bollente, spalmatelo di ganache e arrotolatelo delicatamente.
Fatelo raffreddare e poi avvolgetelo prima nella carta forno e poi nella pellicola e fatelo rassodare il frigo per almeno un paio d'ore.
Prima di servirlo spolveratelo di zucchero a velo.

(*) il tempo di cottura dipende dal forno: provate a controllare dopo 7 minuti e se vedete che estraendo la teglia, il composto non è perfettamente stabile, lasciatelo cuocere ancora qualche minuto e comunque finchè in superficie avrà un bel colorito ambrato.

(**) solitamente mi faccio aiutare dal mio maritino (o da qualche amica di passaggio hihihihi), ma se siete sole vi consiglio di poggiare sul piano un foglio di carta forno, spolverarlo di zucchero e con un colpo secco rovesciarci la pasta biscotto.

Quasi quasi ne rifaccio un altro.... è così facile e veloce da preparare!!! Quasi come finirlo ^_^