martedì 29 maggio 2012

Lilly, la danzatrice del ventre

Che emozione uscire la sera con la mamma.... non l'avevamo mai fatto: occasione davvero azzeccata.
Sabato sera abbiamo festeggiato i... secondi vent'anni di Lilly, la sua collega danzatrice del ventre, e ci siamo divertite come matte! Sedici donne ed un solo maschietto, in un discopub, tra addii al celibato e nubilato.... non vi dico le risate che ci siamo fatte! Ho scoperto pure dei "lati nascosti" della mamma di cui ignoravo l'esistenza... hahahaha ;-) Infondo la mamma è sempre la mamma.
Dopo cena, prima dello sgombero dei tavoli per lasciar spazio ai ballerini provetti e non ;-D, hanno portato il dolce!
Per fortuna le foto le avevo fatte io a casa perchè, nonostante tutte le mie precauzioni, non è arrivata completamente intatta al tavolo :-(
La mia preoccupazione maggiore era per il braccio, quello attaccato al palo.... sapeste quante braccia ho  fatto e rifatto negli ultimi giorni... ho provato pure col fil di ferro, ma non c'era niente da fare... quel povero braccio continuava a spezzarsi! E alla fine è stato l'unico a reggere!!!! ahahahaahh



Le richieste erano seno abbondante, sedere alto e sodo, palo da lap dance e abbronzatura.... Quando ho visto Lilly mi sono spaventata... il personaggio era praticamente latteo al suo confronto, ma nessuno ci ha fatto caso hihihihihi


Dovevamo essere in 25, quindi mi hanno chiesto una meringata comunque abbondante. Per non saper nè leggere nè scrivere, ho pensato bene di fare due basi di meringa da 40x35, imbottite di quasi 2 kg di panna e meringhe sbriciolate e... non ne è rimasta molta! C'è chi ha ben pensato di fare anche il bis. Che soddisfazione.

Per ora con i dolci dovrei aver finito, chissà che avrò da proporvi la prossima volta...

Baci baci

domenica 27 maggio 2012

Il fumo nuoce gravemente alla salute!

FUMARE FA MALE,
lo sanno tutti, ma ci sono un'altra valanga di cose che fanno male nella vita!

Anche il cioccolato,
anche il burro,
anche lo zucchero,
anche i biscotti...

Wow.... sono riuscita a combinare una gran bella parte di "male" in questa torta... hahaha
Martedì era il compleanno di Valter, il suocero di Manu e per questa sera mi hanno chiesto una torta per festeggiare tutti insieme.
Sembrava molto più semplice di quello che è stato, ma tra tutti i miei vari intoppi (tanto lo sapete che le mie giornate non possono scorrere tranquille come vorrei, e anche se mi programmo me ne capita sempre una, quando mi va bene!!!) alla fine ci sono riuscita. 

Per la base un pds (30x20) con queste dosi:
325 gr di uova intere
227 gr di zucchero
195 farina 00
65 fecola di patate

300 gr di nutella
100 gr di cioccolato bianco
200 gr di panna da cucina
wafers sbriciolati (regolatevi in base alla densità che vorrete ottenere

Per la stuccatura crema al burro:
125 gr di burro morbido
250 gr di zucchero a velo

Per la copertura:


Lo so che non è bellissima, soprattutto non perfetta, ma per oggi ne avevo due e nei prossimi giorni vi farò vedere la mia ultima fatica!!!

Baci baci...

domenica 20 maggio 2012

Il compleanno di Pietro

Ecco la richiesta di cui parlavo, quella fatta un pò troppo tardi secondo le mie tabelle di marcia... e che mi ha portato via qualche ora di sonno!!! E poi ieri sera, dopo averla consegnata, decisa a dormire almeno 8 ore filate, con il sostegno della mia mamma che molto volentieri si è portata a casa tutte e due le canaglie... alle 4.07 la prima scossa di terremoto... Che paura ho avuto, tremava tutto... e mio marito che si lamentava perchè mi stavo rigirando troppo rumorosamente nel letto!!! Sti uomini... manco fossi un ippopotamo... Vabbhè, paura scampata. Mi sono riaddormentata e alle 5 la seconda... finito di dormire! 
Almeno ne ho approfittato per pulire la cucina, che dopo la giornata alquanto impegnativo di ieri, sembrava un vero e proprio campo di battaglia!
Ma torniamo a Pietro..., un ex carabiniere, con la passione per il ballo e l'orto, tifoso accanito dell'inter cosa avrei potuto fare!? 
Pamela mi ha dato carta bianca nella scelta della base della torta quindi ho optato per un buon pds, bagna latte e nesquik, ed una crema simil ferrero rocher, un pò a modo mio.

Per la crema:
200 gr di nutella
100 gr di cioccolato bianco
200 ml di panna fresca
250 gr di wafer alla nocciola

In una ciotola mettete la nutella con il cioccolato bianco e fate sciogliere il tutto nel microonde per qualche secondo. Con le fruste elettriche mescolate e fate raffreddare. Aggiungete poi gradatamente la panna e i wafer sbriciolati e mescolate per amalgamare bene il tutto!

Ed ora un pò di foto...






L'unico difetto della torta... era troppo piccola, ne avrebbero voluta di più!

Un bacio e alla prossima!!!

P.S. Grazie a Germana per avermi dato lo spunto per creare il personaggio e a Deby per la genialata del sacchetto... <3

sabato 19 maggio 2012

Il ....esimo anno di Susy!

Eh si... perchè anche se si sa, non sta bene dire quanti anni compie una donna! ;-)
Se siete passate dal blog di Erika, sicuramente avrete letto che da qualche tempo è impegnata coi preparativi per la festa a sorpresa del .... esimo compleanno della sua mamma: lo festeggeranno finalmente questa sera! Con tutti gli impegni, mi ha chiesto di prepararle il dolce, investigando su tipo e farcitura... Beh, tutto sommato mi è andata più che bene... una millefoglie alla crema per 30 persone!
Sembrava filare tutto liscio come l'olio ma... se non c'è l'intoppo non sto bene... La mia teglia da forno non è abbastanza grande per cucinare la sfoglia da 30x40: maledetti bordoni!!!!! Panico... Per fortuna Erika aveva in casa una teglia piatta delle dimensioni giuste...
Stesso problema per il vassoio... ma anche voi fate così fatica a trovarli, o è solo nei nostri paesini sperduti  e abbandonati!? 
Poi è venuto anche il momento delle decorazioni. Altra cosa facile trovare una pasticceria che ti stampi, molto volentieri, una foto da applicare senza comprare anche la torta! Ma anche qui ce l'abbiamo fatta.
Ieri pomeriggio di corsa sono andata a comprare le ultime cose che mi mancavano e ieri sera ho infornato il pds e preparato la crema pasticcera.
Dopo tutti gli inghippi, oggi pomeriggio (giusto per la cronaca mio marito non c'era e avevo le due piccole canaglie che continuavano a gironzolarmi intorno...) mi sono messa all'opera ed ho cotto la sfoglia a 180° per una quindicina di minuti dopo averla spolverata di zucchero semolato e l'ho lasciata raffreddare.
Tra il primo ed il secondo strato di sfoglia, oltre ovviamente alla crema ;-), ho aggiunto il pds bagnandolo con la mia crema di limoncello diluita con poco latte.
Una bella spolverata di zucchero a velo, la foto e un'immancabile scritta di auguri!


Spero che questa sorpresa piacerà a Susy... se non altro per l'impegno che c'ha messo la povera Erika!!!

Baci baci e a domani con....

venerdì 18 maggio 2012

Corso Rosa in Gumpaste

Il post di oggi è copiato spudoratamente dal blog di Deby... per aiutarla a pubblicizzare il SUO CORSO "Rosa in Gumpaste"


Il corso si terrà a Mestre (Ve) domenica 8 luglio 2012. 

Per altre informazioni cliccate sull'immagine e verrete reindirizzate al suo blog ;-)

mercoledì 16 maggio 2012

Pesto alla genovese

Scusate l'assenza dal mio e dai vostri blog, ma in questi giorni sono alquanto impegnata per la preparazione di un dolce, chiesto un pochino in ritardo secondo le mie tabelle di marcia, e che mi sta portando via abbastanza forze, oltre che tempo! Quindi di corsa, per la cena di questa sera, ho preparato un profumatissimo pesto alla genovese.

Ingredienti:
foglie di basilico fresco
pinoli
olio evo
aglio
parmigiano
sale


Per le quantità va un pochino ad occhio e un pò a gusto! 
Nel boccale del frullatore ho inserito le foglie di basilico (saranno state una ventina, belle grandi) lavate ed asciugate, una manciata abbondante di pinoli, un pizzico di sale, due spicchi d'aglio e un paio di cucchiai d'olio d'oliva. Ho azionato il frullatore aggiungendo gradatamente altro olio a filo fino a far ottenere al pesto una consistenza cremosa e un pò liquida. L'ho versato in una ciotolina ermetica (linea Presto - Tescoma) ed ho poi aggiunto del parmigiano grattugiato per addensarlo.
Davvero ottimo!... E pensare che non potevo nemmeno vederlo nello scaffale del supermercato, prima di iniziare a farmelo in casa...


Con questa ricetta partecipo alla raccolta della mitica Tata


Ci rileggiamo sicuramente per il fine settimana, baci baci ;-)

sabato 12 maggio 2012

Auguri a tutte le mamme!

Questo è per le madri che stanno alzate tutta la notte tenendo in braccio i loro bambini ammalati dicendo "è tutto a posto tesoro, la mamma è qui con te". Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dar loro conforto. Questo è per tutte le madri che vanno a lavorare con il rigurgito nei capelli, macchie di latte sulla camicia e pannolini nella loro borsetta.
Per tutte le mamme che riempiono le macchine di bimbi, fanno torte e biscotti e cuciono a mano i costumi di carnevale. E tutte le madri che NON FANNO queste cose. 
Questo è per le madri che danno la luce a bambini che non vedranno mai. E quelle madri che hanno dato una casa a quei bambini. Per le madri che hanno perso i loro bambini durante quei preziosi 9 mesi e che non potranno mai vederli crescere sulla terra ma un giorno potranno ritrovare in Cielo! 
Questo è per le madri che hanno collezioni d'arte di valore inestimabile appesi in cucina. Per le madri che si sono gelate al freddo alle partite di calcio invece di guardare, al caldo nella macchina, così quando il bimbo le chiede "Mi hai visto, Mamma?" potranno dire "Certo! Non me lo sarei perso per niente al mondo!" pensandolo veramente.
Questo è per tutte le madri che danno una sculacciata disperatamente ai loro bambini al supermercato quando urlano facendo i capricci per il gelato prima di cena. E per tutte le mamme che invece contano fino a 10.
Questo è per tutte le mamme che si sono sedute con i loro figli per spiegare come nascono i bambini. E per tutte le madri che vorrebbero tanto farlo, ma non riescono a trovare le parole. 
Questo è per tutte le mamme che fanno la fame per dare da mangiare ai loro figli. Per tutte le madri che leggono la stessa favola due volte tutte le sere e poi la rileggono "ancora una volta". Questo è per tutte le madri che hanno insegnato ai loro bambini di allacciarsi le scarpe prima che iniziassero ad andare a scuola. E per tutte quelle che hanno invece optato per il velcro.
Questo è per tutte le madri che hanno insegnato ai loro figli maschi a cucinare e alle figlie come si fa ad aggiustare un rubinetto che perde.
Questo è per tutte le madri  che girano la testa automaticamente quando sentono una vocina chiamare "mamma!" in mezzo alla folla, anche se sanno che i loro figli sono a casa - o all'università... Questo è per tutte le mamme che mandano i loro figli a scuola con il mal di pancia assicurandoli che una volta a scuola staranno meglio, per poi ricevere una chiamata dall'infermeria della scuola chiedendo di venirli a prendere. Subito.
Questa è per tutte le madri di quei ragazzi che prendono la strada sbagliata e non trovano il modo di comunicare con loro. Questo è per tutte le matrigne che hanno cresciuto i figli di altre madri donando a loro tempo, attenzione e amore... e che non vengono apprezzate!
Per tutte le mamme che si mordono le labbra fino a farle sanguinare quando le loro quattordicenni si tingono i capelli di verde. 
Per le madri delle vittime delle sparatorie nelle scuole, e per le madri di chi ha sparato. Per le mamme dei sopravvissuti, e le madri che guardano con orrore la TV abbracciando i loro figli che sono ritornati a casa sani e salvi. Questo è per tutte le mamme che hanno insegnato ai loro figli di essere pacifisti ed ora pregano per loro, di tornare a casa dalla guerra sani e salvi.
Quali cose fanno una brava Madre?
La Pazienza? La compassione? La determinazione? La capacità di allattare, cucinare e ricucire un bottone di una camicia nello stesso momento? O è nel loro cuore? E' il magone che senti quando vedi tuo figlio o figlia scomparire giù per la strada mentre va a scuola a piedi per la primissima volta? Lo scatto che ti porta dal sonno al risveglio, dal letto alla sua cameretta alle 2 di notte per appoggiare una mano sul tuo bambino che dorme? Il panico che ti viene, anni dopo, sempre alle 2 di notte quando non vedi l'ora di sentire la chiave nella serratura e sapere che è tornato a casa sano e salvo? O sentire il bisogno di correre da dovunque tu sia per abbracciare i tuoi figli quando senti che c'è stato un incidente, un incendio o un bimbo che è morto?
Le emozioni della maternità sono universali, le stesse sono per giovani madri che barcollano fra i cambi di pannolini e mancanza di sonno.... e le madri più mature che imparano a lasciarli andare. 
Per le madri che lavorano e quelle che rimangono a casa.
Per le madri single e quelle sposate. 
Madri con soldi, madri senza soldi.
Questo è per tutte voi, per tutte NOI.
Tenete duro, alla fine possiamo fare solo del nostro meglio: dire a loro tutti i giorni che LI AMIAMO!
E pregare...

Buona festa della mamma a tutte... a chi lo è già, a chi non lo è ancora e a chi lo desidera ardentemente!

Ripostato da facebook... complimenti a chi ha scritto queste parole!

Ed ora un GRAZIE enorme a Max, Ornella e Simona per aver premiato la mia ricetta con cui ho partecipato al contest Un coccio al mese per dodici mesi.


Anche questo è un bellissimo regalo per la festa della mamma ;-)

mercoledì 9 maggio 2012

Risotto morbido asparagi e bruscandoli

La sera c'è ancora un pò di frescura e un risottino caldo ci sta ancora benissimo. Vi avevo già detto che con Asia e Mattia eravamo andati a fare incetta di bruscandoli (di nascosto perchè ci sono cartelli di divieto ovunque!!!), ma come si fa a rinunciare ad un'erbetta fresca tanto saporita!?!? Dopo averli ben lavati ed asciugati li ho tagliati a pezzettini e messi in freezer in sacchettini pronti all'uso, proprio come ho fatto per gli asparagi ;-)
Ecco il piatto di stasera


Ingredienti:
riso (secondo abitudine)
un paio di manciate di bruscandoli a pezzetti
un paio di manciate di asparagi a pezzetti
uno spicchio d'aglio
mezzo bicchiere di vino bianco secco
1 cucchiaino abbondante di dado vegetale
una grattatina di pepe bianco
un cucchiaio di olio evo
una noce di burro
parmgiano grattugiato
prezzemolo

Preparate una pentola con dell'acqua e il dado vegetale (prima o poi metterò la ricetta anche di quello, tanto sapete che è quello di Cristina, la magica Zucca Capricciosa).
In un'altra versate l'olio, spremete lo spicchio d'aglio, una macinata di pepe, fate leggermente soffriggere e fate poi tostare il riso. Sfumate con il vino bianco, aggiungete gli asparagi e i bruscandoli e portate a cottura aggiungendo gradatamente un mestolo di brodo alla volta aspettando di aggiungerne altro fino a completo assorbimento del precedente.
Mantecate con il burro e il parmigiano e cospargete il riso con altro grana grattugiato ed un pizzico di prezzemolo fresco.

Buon appetito!

mercoledì 2 maggio 2012

Frozen daiquiri

Ieri è stata una giornata davvero caldissima, la prima dell'anno! Finalmente ci siamo potuti godere il sole in pantaloncini e maglietta. 
Alle quattro ho fatto fare pausa ai miei lavoratori che stavano costruendo con papà la casetta sull'albero ed ho pensato ad un rinfrescante strawberry daiquiri. Tranquille, non sono diventata matta: ovviamente era analcolico!!!


Dopo aver pulito e depicciolato le fragole, le ho versate nel bicchiere del frullatore con 3 cucchiaini di zucchero e abbondante ghiaccio. L'ho azionato per un paio di minuti ed ho poi aggiunto un pò di latte. Una spruzzatina di panna che non ci sta mai male ed il gioco era fatto ;-)


Talmente buono che, affaticati ma decisamente rinfrescati, non avevano nemmeno il tempo di guardarmi e fare un sorriso per la stampa.... Neanche a dirlo che hanno voluto il bis!

Buona giornata e alla prossima :-)

martedì 1 maggio 2012

Pane con primosale

Venerdì Annalisa, la mamma di una compagna di Asia, mi ha dato della farina (che lei acquista in un negozio biologico della zona) da provare: si chiama "farina 2", semi integrale davvero ottima. Ho pensato subito di usarla e ne è uscito davvero un ottimo pane. L'idea del primosale me l'ha data Ylenia, che ne ha fatto uno simile!

Ho usato:
200 gr di "farina 2"
300 di farina manitoba
20 gr di lievito di birra
30 ml di olio d'oliva
1 cucchiaino di malto di riso
1 pizzico di sale
300 ml di latte intero
150 gr di primosale

Ho proceduto come di consueto:
Ho fatto attivare il lievito sbriciolato nel latte intiepidito con il malto.
Intanto ho mescolato alle farine l'olio ed il sale, ho spezzettato con le mani il formaggio ed ho poi impastato il tutto, lasciandolo ancora un pò appiccicoso.
Ne ho ricavato due filocini e li ho lasciati lievitare sulla teglia precedentemente rivestita di carta forno nel forno spento ma con la luce accesa per quasi 2 ore, dopo le quali l'impasto era più che triplicato. 
Dopo averli spolverati con un pò di farina di mais, li ho fatti cuocere a 220° per una ventina di minuti.


Ecco il pane un paio di minuti prima di sfornarlo!


Il profumo in casa era divino... ne ho portato subito uno ad Annalisa e in macchina Asia voleva mangiarne un pezzo a tutti i costi, ma per fortuna siamo arrivati prima che lei arrivasse al pane!!! Ottimo ancora caldo.

Buon proseguimento di giornata!