domenica 7 agosto 2011

Rosticceria siciliana

Stanca di sentir continuamente parlare di "rosticceria siciliana", ieri mi sono decisa ed ho cercato prima di tutto cosa fosse, visto che non ho mai avuto l'occasione di assaggiare queste specialità!
Come sapete approfitto sempre della cucina quando sono a casa solo con i miei pupattoli, quindi dopo aver preparato la torta-polpettone ci siamo lanciati in questa impresa.
Cominciamo con gli ingredienti per preparare 12 rotolini e 8 calzoncini (non me ne vogliano i siciliani che leggeranno questo post, perchè non ho idea di come si chiamino effettivamente!)

500 gr di farina
30 gr di zucchero
15 gr di sale
50 ml di olio di semi
10 gr di lievito di birra
210 ml di acqua
1 uovo

Iniziamo facendo sciogliere nell'acqua tiepida il lievito di birra e lo zucchero.
In una ciotola mescoliamo alla farina, il sale e l'olio e poi gradatamente aggiungiamo l'acqua. Lavoriamo l'impasto con le mani fino a farlo diventare un composto liscio ed omogeneo e che non sarà per niente appiccicoso.
Formiamo tante palline e mettiamole a lievitare (nel forno spento con la luce accesa) coperte con un panno umido per almeno 3 ore.
Trascorso il tempo di lievitazione, formiamo con ogni pallina dei serpentelli, dividiamo a metà per il verso lungo i wurstel e giriamo la pasta tutto intorno, poggiandoli sulla teglia rivestita di carta forno. Spennelliamo con dell'uovo sbattuto (io in questo caso ho usato il mitico Doratore Spray, un monumento a chi l'ha inventato ;) che oltre a dorare aiuta anche la lievitazione!) e cospargiamo di semi di papavero (io semi Melandri Gaudenzio).
Per ogni calzoncino (che a me sono venuti più panini che calzoni) ho usato due palline di pasta, ho disposto nel centro della prima un pò di mozzarella e mezzo pomodorino semisecco Agromonte ed ho chiuso il tutto con la seconda, facendo ben aderire i bordi. Altra spruzzatina di Doratore e stavolta semi di sesamo Melandri Gaudenzio.
Mettiamo le teglie in forno per una ventina di minuti... ed eccoli appena sfornati


Sono proprio orgogliosa... erano davvero ottimi!


rotolini e calzoncini in vassoio EcoBioShopping


Se avete la fortuna di avanzarne qualcuno, ricordatevi di tenerli coperti da un canovaccio inumidito, così rimarranno soffici! Ma questo non è di certo un mio problema, perchè qui le bocche non smettono mai di muoversi...

Buona domenica :)

17 commenti:

  1. Ah .. beh il 1° peccatuccio lo commetto io...mamma bella che delizie....mi sembrava di sentire l'odorino dallo schermo!! Anzi mi sa tanto che l'ho pure bagnato...urca...che brava sei!!

    RispondiElimina
  2. complimenti sei stata bravissima!w la rosticceria siciliana:-)

    RispondiElimina
  3. sai che bel buffet con queste golosita'!Un successo garantito!Baci rossella!

    RispondiElimina
  4. Che belli,bravissima,te li copierò senz'altro!

    RispondiElimina
  5. buonissimi, ho già fame .....ciao cara e buona domenica

    RispondiElimina
  6. che belli in buffet farebbero un figurone...buona domenica

    RispondiElimina
  7. Ma che belli!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ahhhhhhhh che buoni poi!!!!!! Fra sei stata bravissima!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. BUONIIIIIIIIIII :-) aspetto alllora i bicchierini di domani!!! ciao

    RispondiElimina
  9. devono essere squisiti!!! dubito che ne siano avanzati!!! ;D

    RispondiElimina
  10. Per me che adoro le cose salate questa è una deliziaaaaaaaaaaaaa!! Bacio SILVIA

    RispondiElimina
  11. Carissima Fra, noi siciliani questi li chiamiamo rustici e ti faccio i complimenti perchè ti sono venuti una favola ma devo dire che il tuo impasto niente ha a che vedere con la pasta brioche da rosticceria che si usa giù da noi. Infatti al posto dell'olio si mette lo strutto, non si mette l'uovo e la dose dello zucchero è leggermente più alta. Questa ricetta me l'ha data un fornaio messinese quindi è autentica. Se ti va, prova anche questa versione non te ne pentirai! Un bacio.

    RispondiElimina
  12. Ma ti sono venuti perfetti, complimenti, si vede cha hai propio una mano da artista

    RispondiElimina
  13. Que gostosura!
    Manda um pra mim, Fra.
    Abraços.

    Silmara
    www.casaefogao.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. sfiziosi e uno tira l'altro!complimenti, Francesca

    RispondiElimina
  15. Eh queste bontà??il poco tempo non mi permette di girovagare molto sugli altri blog..ma per fortuna quel poco tempo lo uso bene!!

    RispondiElimina
  16. mi spiace ma la ricetta originale che distingue la rosticceria palermitana (il resto della sicilia non può competere) prevedo l'utilizzo dello strutto nell'impasto.....

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un commento o un suggerimento: sarà sicuramente molto gradito!!!
A presto, Fra