giovedì 7 luglio 2011

Pane frattau


Dopo 9 anni di matrimonio, era anche ora che preparassi qualcosa al mio maritino che gli ricordasse la sua terra, che ne dite? Mi ha dato l'imput Maria, di cui vi invito a visitare il blog, davvero interessante e che mi ha catturata al volo!

In casa ho sempre a disposizione del pane carasau, è davvero ottimo e io lo uso spesso anche la mattina per fare colazione. Provatelo spezzettato in una tazza di latte caldo, magari con un paio di cucchiai di cacao dolce! Mmmmmmmmmmm

Ma torniamo alla ricetta di oggi. Ci servono:

3 fogli di pane carasau
1/2 bottiglia di passata rustica di pomodoro
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
qualche foglia di basilico
pecorino sardo
brodo di pecora (sostituibile con acqua)
sale, pepe e olio evo q.b.

La preparazione è semplicissima: tritate finemente la cipolla e l'aglio e soffriggeteli in poco olio, aggiungete  la passata di pomodoro, aggiustate di sale e pepe, strappateci dentro qualche fogliolina di basilico, una puntina di zucchero per togliere l'acidità al pomodoro e lasciate cuocere a fuoco basso per una mezz'oretta. Se si dovesse asciugare troppo aggiungete ogni tanto un cucchiaio d'acqua.
Bagnate, uno alla volta, i fogli di pane carasau con l'acqua senza ammorbidirli troppo, disponete qualche cucchiaiata di pomodoro e scaglie di pecorino formando così tre strati e il gioco è fatto. Un piatto dagli ingredienti semplici ma decisamente gustoso!

Ma volete sapere qual è stata la risposta di mio marito quando gli ho detto:
"Amore... ti ho preparato il pane frattau, com'è!? Si avvicina almeno un pò a quello che mangiavi tu!?"
"E io che ne so, non l'ho mai mangiato. Dove abitavo io non si faceva, dev'essere un piatto tipico del nord..." :-(((( 
E io che credevo che il pane frattau fosse per i sardi, come la polenta per noi veneti!
Comunque, con TANTA POCA soddisfazione, ce lo siamo mangiato tutto!

14 commenti:

  1. Ottima, il maritino ne sarà soddisfatto di sicuro, io con una zia sarda ne ho mangiato a tonnellate. Buona serata

    RispondiElimina
  2. Ah ah ah ah ah ...grande Pie!!!!! E la povera Cenerella è tornata in cucina a cercare qualche altra ricetta per stupire il marito troppo pretenzioso :-D Sei troppo forte!!!!!!

    RispondiElimina
  3. beh almeno hai fatto conoscere un nuovo piatto al marito!!! sembra molto invitante! ;)

    RispondiElimina
  4. Ottima ricetta con il pane casarau! Da provare! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  5. Ciao Fra, piacere di conoscere te e il tuo blog.
    Quest'estate in Sardegna mi sono riempita la pancia con il pane casarau....per non parlare della zuppa gallurese....mmmmmmmmmm che bontà. Questa tua ricetta me la ricorda molto, buona!!
    Alla prossima

    RispondiElimina
  6. Mitico il maritino, ma intanto la ricetta ci piace e meno male che l'hai postata, la proverò al più presto, anche a me, che non sono sarda il pane carasau piace moltissimo.
    ciao loredana

    RispondiElimina
  7. Ohhh...troppi complimenti,grazie cara!!
    E a tuo marito una tirata di orecchie:non è un piatto del nord,è tipico del centro,del Nuorese...e ti è venuto benissimo,l'hai fatto anche piu' leggero per l'assenza dell'uovo!!Un bacione tesoro!!

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo questo piatto, deve essere delizioso!!!
    Se ti va passa a trovarmi c'è un premio per te :)

    RispondiElimina
  9. Immagino la tua espressione dopo la risposta di tuo marito,comunque sia devi essere molto soddisfatta per aver preparato un bellissimo piatto tipico

    RispondiElimina
  10. Ahahah, questi mariti ingrati...comunque mi piace molto questo piatto per la sua semplicità. Penso proprio che lo proverò!

    RispondiElimina
  11. che buona la devo fare assolutamente

    RispondiElimina
  12. Ciao.. da Sarda permettimi una correzione, anzi un'aggiunta...questo piatto si completa adagiando sull'ultimo strato di pane un uovo in camicia! ;)

    RispondiElimina

Grazie della visita, lascia un commento o un suggerimento: sarà sicuramente molto gradito!!!
A presto, Fra